AIDS: ROSSI (TOSCANA), CAMPAGNA PREVENZIONE E PROMOZIONE PRESERVATIVO
AIDS: ROSSI (TOSCANA), CAMPAGNA PREVENZIONE E PROMOZIONE PRESERVATIVO
ASSESSORE, ATTENZIONE SI SPOSTA VERSO PERSONE SIEROPOSITIVE

Firenze, 29 nov. - (Adnkronos) - Campagne di prevenzione che estendano un messaggio di attenzione e responsabilita’ dai gruppi a rischio alla popolazione generale, e soprattutto ai giovani. Valorizzazione del ruolo dei consultori per la promozione fin dall’adolescenza di una cultura della salute e di una sessualita’ consapevole e responsabile. Promozione dell’uso del preservativo. Monitoraggio della sieropositivita’, con la creazione di un registro apposito. Sono queste le indicazioni che l’assessore per il diritto alla salute della Regione Toscana, Enrico Rossi lancia al sistema sanitario toscano in occasione della giornata mondiale dell’Aids.

‘’La minaccia e’ globale - afferma Rossi - e richiede interventi importanti e incisivi. Vanno in questa direzione alcuni segnali di preoccupazione e insieme di sensibilita’ lanciati proprio di recente dalla Chiesa. Qui, a casa nostra, dobbiamo soprattutto non pensare che con le nuove terapie e con le iniziative pur importanti messe in atto il bicchiere sia mezzo pieno. Non e’ cosi’. Dobbiamo continuare a concretizzare la nostra lotta all’Aids, ad esempio con la diffusione dell’uso del profilattico, e nello stesso tempo spingere sul pedale dell’educazione e della cultura della salute, soprattutto tra i giovani’’.

La Toscana dispone in ogni Asl di strutture ad alta sicurezza ed efficienza per il trattamento dell’Aids, contribuisce alla ricerca per lo sviluppo di un possibile vaccino, assicura i farmaci gratuiti ai pazienti detenuti. Inoltre, informa una nota, e’ attiva la Commissione regionale per la lotta all’Aids e alle malattie infettive emergenti e riemergenti tra i cui compiti, oltre al controllo epidemiologico del fenomeno attuato attraverso l’Ars, vi l’indirizzo nelle misure di profilassi, l’individuazione dei percorsi assistenziali e la definizione di interventi formativi e di comunicazione.

(Saf/Pn/Adnkronos)