IMMIGRATI: A ROMA 'PROGETTO SAMI' CONTRO DISCRIMINAZIONE (4)
IMMIGRATI: A ROMA 'PROGETTO SAMI' CONTRO DISCRIMINAZIONE (4)
BRACALENTI, GIORNALI E TV DANNO IMMAGINE NEGATIVA DEGLI IMMIGRATI

(Adnkronos) - ‘’Purtroppo giornali e tv danno un’immagine negativa degli immigrati - ha sottolineato Raffaele Bracalenti, presidente Iprs - Riflessioni e commenti anche da giornalisti che si proclamano ‘liberal’. Danno per scontato che una societa’ non possa trasformarsi alla luce di valori economici e democratici. L’emigrazione ci obbliga al cambiamento, a continui trasformazioni sociali - ha concluso - E tutto questo e’ inevitabile’’.

Claudio Rossi, reponsabile delle Politiche della multietnicita’ del Comune di Roma ha ricordato che in 10 anni ‘’gli immigrati sono cresciuti in Italia dal 3% al 9% e che oltre 300 mila immigrati partecipano, nel nostro paese, ai processi di sviluppo economico e sociale del Paese. Ci sono lavoratori, artigiani (oltre il 90%), ma anche imprenditori - ha spiegato - assistenti di persone in difficolta’, acquistano case e aprono mutui. Un ‘target’ di mercato anche per le banche. L’integrazione? - ha ancora precisato- Io parlerei soprattutto di ‘inclusione’ ovvero di partecipazione attiva alle dinamiche sociali. Perche’ chi non e’ integrato non riesce a partecipare. Deve essere questo l’obiettivo politico da perseguire’’.

Carla Olivieri, consulente Sud Sistemi ha presentato nel corso dell’incontro il primo portale del settore, Gianfranco Martini, componente direttivo Aiccre, si e’ soffermato sul concetto di ‘interculturalita’’. ‘’Le varie culture si devono influenzare mutualmente e reciprocamente - ha detto - Salvaguardando ognuno la propria identita’. Ed infine Marco Buemi dell’Unar ha auspicato la creazione di un ‘contact center’ che possa raccogliere dati dalle varie regioni e dai territori monitorando informazioni per una sempre maggiore consapevolezza contro ogni tipo di discriminazione .

(Cap/Col/Adnkronos)