ROMA: BENVENUTI (AN), 'SI'' A RIAPERTURA CASE CHIUSE
ROMA: BENVENUTI (AN), 'SI'' A RIAPERTURA CASE CHIUSE
'CONTROLLI SU RETE TELEFONIA PER INDIVIDUARE GLI SFRUTTATORI'

Roma, 29 nov. - (Adnkronos) - “S alla riapertura delle case chiuse per arginare il fenomeno della prostituzione, no a finte soluzioni come l’attivazione di telecamere”. Lo ha dichiarato Piergiorgio Benvenuti, capogruppo di Alleanza nazionale alla Provincia di Roma e responsabile Dipartimento Sicurezza di An per il Lazio, nel corso di un’intervista realizzata a Roma per ‘Deutschland Radio’, emittente nazionale tedesca con sede nella citt di Colonia.

Secondo Benvenuti, "vi sono due aspetti da menzionare: il primo la volont di controllare quelle vie e quei luoghi dove la prostituzione maggiormente diffusa e sino ad oggi tale contrasto non ha dato i frutti sperati, il secondo che bisogna ricercare le 'centrali dello sfruttamento', cio individuare chi fa entrare illegalmente queste ragazze, gli fornisce l'abitazione, le accompagna nei luoghi dove si prostituiscono, le controlla con una rete di telefonia mobile, forse sarebbe opportuno controllare questa rete per individuare gli sfruttatori. Altro fenomeno emergente, probabilmente quello pi grave, lo sfruttamento dei minori che dovrebbe essere prevenuto con provvedimenti ad hoc”.

"Pi in generale sul problema della prostituzione - ha ribadito Benvenuti - ritengo che il Parlamento debba affrontare la questione il pi rapidamente possibile. Il fallimento della legge Merlin sotto gli occhi di tutti: migliaia di ragazze troppo spesso adolescenti sono costrette a prostituirsi, e la criminalit continua ad arricchirsi sulla loro pelle. A questo punto ritengo che la soluzione migliore sia la riapertura delle cosiddette 'case chiuse', certamente rimango totalmente contrario a condannare alcune zone della citt a 'luci rosse'".

(Rre/Pn/Adnkronos)