SALUTE: EMERGENZA ICTUS IN LOMBARDIA, STILI DI VITA SOTTO ACCUSA
SALUTE: EMERGENZA ICTUS IN LOMBARDIA, STILI DI VITA SOTTO ACCUSA
NEL 2002 QUASI 9MILA VITTIME, SOPRATTUTTO DONNE

Milano, 29 nov. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Allarme ictus in Lombardia. Solo nel 2002 l’‘infarto cerebrale’ ha ucciso quasi 9mila cittadini (8.919) su una popolazione totale pari a poco pi di 9 milioni di abitanti. E le vittime sono state in grande maggioranza donne: 5.597 (su una popolazione femminile di quasi 4,7 milioni), contro 3.322 (su una popolazione maschile di quasi 4,4 milioni). Sotto accusa stili di vita a rischio come fumo e dieta scorretta. I numeri dell’emergenza saranno discussi venerd 1 dicembre all’Hotel Michelangelo di Milano, in occasione della Giornata della ricerca sull’ictus promossa dall’Italian Stroke Forum con la collaborazione di Pfizer Italia. Un convegno ad hoc previsto nello stesso giorno in tutte le 16 sedi regionali dell’associazione.

L’ictus - ricorda una nota - una malattia cardiovascolare che consiste nella morte delle cellule cerebrali a causa dell’interruzione dell’apporto di sangue, ossigeno e nutrienti al cervello. All’origine ci pu essere la rottura di un’arteria cerebrale, oppure l’occlusione di un’arteria in seguito a trombosi o embolia. I campanelli d’allarme possono includere la compromissione motoria, sensoriale e della vista, ma anche disturbi di linguaggio e deglutizione, perdita di coordinamento e di coscienza.

Ogni anno vengono colpiti dall’ictus 194mila italiani, e in sette casi su 10 chi sopravvive non torna pi come prima: il 30% dei ‘reduci’ richiede assistenza continua e due su 10 hanno bisogno di un aiuto per camminare. Secondo i dati dell’Osservatorio epidemiologico cardiovascolare, tra gli italiani 35-65enni la prevalenza di ictus dell’1,1% negli uomini e dello 0,8% nelle donne, mentre nella popolazione anziana (65-74 anni) le percentuali salgono a 2,4% e 1,9% rispettivamente. (segue)

(Sal/Pe/Adnkronos)