SALUTE: MAMME E FIGLIE 'ALLEATE' PER PREVENIRE CANCRO COLLO UTERO
SALUTE: MAMME E FIGLIE 'ALLEATE' PER PREVENIRE CANCRO COLLO UTERO
AL VIA CAMPAGNA NAZIONALE MOIGE E A.GI.CO., ILARY BLASI TESTIMONIAL

Roma, 29 nov. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Mamme e figlie ‘alleate’ per prevenire e combattere il tumore al collo dell’utero. La seconda patologia ‘killer’ in Italia per numero di decessi fra le donne (1.700 l’anno) dopo il cancro della mammella, nel 75% dei casi provocata da uno dei quattro ceppi pi ‘violenti’ di papillomavirus umano (il 6, l’11, il16 e il 18). Dal 2007 sar disponibile anche in Italia un vaccino in grado di prevenirli e di offrire una copertura del 100% nei confronti della malattia. Il consiglio dei medici di far vaccinare le bambine in et puberale, attorno ai 12 anni, per proteggerle prima che inizino ad avere rapporti sessuali, il principale mezzo di trasmissione del virus. E proprio per sensibilizzare le madri su questo tema, con lo slogan ‘Se per tua figlia vuoi un futuro sano, proteggi ora la donna che sar’ parte oggi la campagna d’informazione organizzata dal Movimento italiano genitori (Moige) e dall’Associazione ginecologi consultoriali (A.Gi.Co). Testimonial d’eccezione, Ilary Blasi.

L’iniziativa durer un anno e metter a disposizione di tutte le interessate un sito (www.prevenzionetumoridonne.info), una cartolina che si potr trovare in alcune testate femminili per richiedere al Moige materiale informativo d’approfondimento e un numero verde (800 93 15 15), attivo tre giorni a settimana per tre ore, cui risponderanno i ginecologi pronti a dare le informazioni che servono per aiutare a prevenire il tumore della cervice uterina. ‘’Una patologia ancora poco conosciuta - ha sottolineato Maria Rita Munizzi, presidente del Moige - nel senso che spesso non viene collegata a un virus e che, come tale, oggi completamente prevenibile. Noi genitori siamo i primi responsabili dell’educazione dei nostri figli. Le madri sono le vere ‘care giver’ della famiglia, dunque importante informarle per prime, soprattutto riguardo alle malattie ‘intime’ che possono colpire loro e le loro figlie. Ma ci rivolgiamo anche alle adolescenti - dice la Munizzi - perch spesso da giovani che si contrae il papillomavirus, causa del cancro al collo dell’utero sul quale non c’ ancora abbastanza informazione”.

Importante anche il contributo dei ginecologi consultoriali, che ‘’per antonomasia - ha evidenziato Maurizio Bologna, vicepresidente dell’A.Gi.Co. - sono i medici che pi di tutti si occupano di prevenzione. Alle madri dico di informarsi di pi sul papillomavirus. Di approfondire la loro conoscenza sul legame che questo virus pu avere con il tumore dell’utero”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Ilary Blasi, che consiglia anche di ‘’vaccinarsi e far vaccinare le proprie figlie non appena sar possibile farlo, dopo essere entrate ‘in punta di piedi’ nella loro vita privata e aver conquistato il giusto livello di confidenza con loro”.

(Sal/Col/Adnkronos)