SCUOLA: SU 741 INTERVENTI DI SICUREZZA ANTISISMICA AL VIA 217
SCUOLA: SU 741 INTERVENTI DI SICUREZZA ANTISISMICA AL VIA 217
CAMPANIA, LAZIO E BASILICATA ANCORA FERME AI BLOCCHI DI PARTENZA

Roma, 29 nov. (Adnkronos) - Procede a rilento l’attuazione del primo programma stralcio per la sicurezza antisismica nelle scuole. Il piano, come ha sottolineato nella risposta ad una interrogazione parlamentare il sottosegretario alle Infrastrutture Luigi Meduri, prevede 741 interventi per un totale di 193 milioni di euro. Di questi, pero’, ne sono stati avviati solo 217, al 16 ottobre di quest’anno, secondo i dati forniti dal ministero, per un importo complessivo di 48 milioni di euro. Altri 77 documenti di attuazione, per 18 milioni di euro, necessari per avviare i lavori, sono in fase di stipula. All’appello mancano 447 interventi, per un valore di 127 milioni di euro, che sono in attesa del via libera (la cosiddetta l’attestazione di coerenza) da parte delle Regioni.

Nella sua risposta all’interrogazione presentata dalla deputata ulivista Raffaella Mariani, il sottosegretario Meduri ha ricordato come la delibera Cipe del 2004 abiliti gli enti che devono attuare i lavori di intervento per la sicurezza antisismica nelle scuole ad accendere mutui per finanziare le opere. “Pertanto -ha spiegato Meduti- l’effettiva erogazione e’ subordinata all’accensione dei mutui”. E quelli contratti nel 2006, ha aggiunto, “generano una prima rata di ammortamento a partire dal 1 gennaio 2007”. E’ dunque evidente “come ad oggi non si possa registrare alcuna effettiva erogazione a fronte di un finanziamento gia’ concesso di 66 milioni e 879 mila euro”.

Dei 447 interventi in attesa del via libera, 82, secondo la tabella fornita dal ministero delle Infrastrutture, sono quelli da effettuare in Calabria, 77 in Toscana, 73 in Campania, 51 in Abruzzo e in Emilia Romagna, 50 in Sicilia, 35 nel Lazio, 8 in Basilicata, 6 in Puglia, 5 nelle Marche, 4 in Liguria, 3 nel Molise, 1 in Lombardia e nel Veneto. E se la Calabria e’ al primo posto per numero di interventi che ancora attendono l’ok definitivo dalla Regione, lo e’ anche per numero di interventi gia’ avviati, pari a 122. Campania, Lazio e Basilicata, invece, sono ancora ferme ai blocchi di partenza: nessun documento di attuazione stipulato o in fase di stipula per queste tre regioni che complessivamente attendono 116 interventi.

(Pol-Fer/Gs/Adnkronos)