CINEMA: 'BORAT', RESPINTA DENUNCIA COMPARSE CONTRO LA 20TH CENTURY FOX
CINEMA: 'BORAT', RESPINTA DENUNCIA COMPARSE CONTRO LA 20TH CENTURY FOX

Los Angeles, 12 dic. - (Adnkronos/Dpa) - Hanno perso il primo round della loro battaglia legale due studenti della Carolina del Sud che avevano denunciato la ‘20th Century Fox’, produttrice di “Borat”, il film che narra le esilaranti traversie, dal tono politicamente scorretto, di un improbabile giornalista kazako inviato dalla sua tv negli Stati Uniti per girare un reportage. Un tribunale di Los Angeles ha infatti respinto le richieste dei due giovani di bloccare la vendita del Dvd e di tagliare la scena in cui fanno le comparse.

I due studenti avevano denunciato la produzione sostenendo di essere stati ingannati e convinti a comparire nel film dopo essere stati ubriacati ad arte dalla troupe. Il tutto sarebbe avvenuto poco prima di girare la scena, in cui, insieme al protagonista Sacha Baron Cohen, il comico britannico che interpreta Borat, si lasciano andare a commenti offensivi nei confronti delle donne e delle minoranze razziali. I legali dei due ragazzi puntavano, in particolare, sulla firma della liberatoria rilasciata sotto l’effetto dell’alcol.

Il giudice Jospeh Biderman non ha ritenuto che sussistessero le condizioni per un suo intervento, anche perch i due studenti non sono stati in grado di dimostrare che l’eventuale danno subto non possa essere liquidato in danaro. Le autorit giudiziarie, tuttavia, si riservano di decidere se condannare o meno la produzione a pagare un indennizzo alle due comparse. L’ipotesi di ritirare il Dvd e di rivedere il montaggio della pellicola stata scartata. Il giudice, infatti, avrebbe basato la sua decisione anche sul fatto che i due ragazzi non balbettano e non barcollano, apparendo quindi perfettamente sobri, durante la loro breve performance. L’uscita del film in Italia prevista non prima della prossima primavera.

(Red/Pn/Adnkronos)