FRANCIA: E' MORTA LUCIE AUBRAC, SIMBOLO DELL'ANTINAZISMO
FRANCIA: E' MORTA LUCIE AUBRAC, SIMBOLO DELL'ANTINAZISMO
FU UNA LEADER DELLA RESISTENZA DURANTE SECONDA GUERRA MONDIALE

Parigi, 15 mar. - (Adnkronos) - Lucie Aubrac, uno dei simboli della della resistenza antinazista in Francia, e'morta in un ospedale di Parigi all'eta' di 94 anni. E' stata una delle fondatrici del movimento di liberazione della Francia del sud durante la seconda guerra mondiale. Collaboratrice del generale Charles de Gaulle a Londra, con il marito Raymond Samuel Aubrac partecipo' a numerose operazioni clandestine della resistenza assumendo il nome di battaglia di Lucie Bernard.

Il 15 marzo 1943 a Lione Raymond Aubrac venne arrestato dalla polizia francese con altri dirigenti della resistenza antinazista. Fu rimesso in liberta' provvisoria grazie all'intervento di sua moglie Lucie che, in nome del generale Charles De Gaulle, minaccio' il procuratore della Repubblica di dure rappresaglie. Il 21 giugno Aubrac venne arrestato di nuovo, questa volta dalla Gestapo con altri compagni. Il 21 ottobre, giocando sotto falso nome sulla rivalita' dei servizi segreti tedeschi, sua moglie lo fece evadere. Nel febbraio 1944 i coniugi si rifugiarono a Londra e rientrarono a Parigi nell'inverno del 1945 insieme a un gruppo di ex prigionieri politici.

Nata nel 1912 da una famiglia di coltivatori, Lucie Aubrac fin da ragazzina milito' nella Gioventu' comunista. Laureata in storia, insegno' a Strasburgo e nell'agosto del 1940 entro' nel movimento partigiano, fondando il gruppo ''L'ultima colonna'' e il periodico clandestino ''Liberation''. Nel dopoguerra, svolse alcuni incarichi politici e Aubrac continuo' la sua azione militante come attivista di Amnisty International. Nel 1997 il regista Claude Berry dal libro autobiografico di Lucie Aubrac, ''Ils partiront dans l'ivresse'', ha realizzato il film ''Il coraggio di una donna'' con Carole Bouquet.

(Sin-Pam/Col/Adnkronos)