MUSICA: MSTISLAV ROSTROPOVICH, BIOGRAFIA DEL PRINCIPE DEL VIOLONCELLO (2)
MUSICA: MSTISLAV ROSTROPOVICH, BIOGRAFIA DEL PRINCIPE DEL VIOLONCELLO (2)

(Adnkronos) - Il 1956 fu anche l'anno in cui divent primo violoncello all'Orchestra di Stato Sovietica. Durante queste tourne ha modo di incontrare molti compositori, fra i quali Benjamin Britten. Nel 1967 diresse l'opera ''Eugenio Oneghin'' di Cajkovskij al Teatro Bolshoi e dirigendo nei teatri d'Europa e d'America ''La dama di picche'' dello stesso Ciajkovskij, ''Katerina Ismajlova'' di Shostakovich, la ''Tosca'' di Puccini. Continuo' la sua carriera alternandosi come violoncellista, pianista e direttore d'orchestra. In questi anni form prima un duo con Richter e successivamente un quartetto d'archi insieme a Sviatoslav Richter, Emil Gilels e Leonild Kogan.

Ha eseguito per intero, insieme al pianista Sviatoslav Richter, tutte le sonate di Beethoven. stato interprete eccellente di Bach, Beethoven, di Saint-Saens, Mozart, Sergei Prokofiev, Shostakovich, Nikolaj Mjaskovskij e di tantissimi altri compositori della sua epoca. Lo strumento che ha da allora suonato e' un Duport Stradivarius del 1711, considerato uno dei migliori Rostropovich fu promotore dell'arte senza frontiere, della libert di espressione e dei valori democratici. Queste sue idee erano per in contrasto con il regime sovietico.

La sua amicizia con il premio Nobel Aleksandr Solzenicyn ed il sostegno dato ai dissidenti, lo fecero cadere in disgrazia nei primi anni Settanta. Egli fu bandito da tutti gli incarichi pubblici e nel 1978 gli fu revocata la cittadinanza dell'Unione Sovietica. Comunque gi nel 1974 aveva lasciato l'Unione Sovietica, con la moglie e le figlie, stabilendosi a Parigi. (segue)

(Sin-Pam/Gs/Adnkronos)