AEROPORTI: BIANCHI, SCALI SUD DEVONO CREARE 'CERNIERE' INTERMODALI
AEROPORTI: BIANCHI, SCALI SUD DEVONO CREARE 'CERNIERE' INTERMODALI

Roma, 12 giu. - (Adnkronos)- ''Gli aeroporti nel Mezzogiorno rappresentano qualcosa in piu' rispetto alle altre aree del Paese, sono una necessita' per gli spostamenti viste le condizioni delle infrastrutture viarie, autostradali e ferroviarie. Ma, soprattutto, possono e devono contribuire a creare quelle cerniere intermodali essenziali per le reti di trasporto del futuro''. E' il ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi, a indicare il ruolo degli aeroporti come fattore di sviluppo del Sud. Un sistema, quello aeroportuale nel Mezzogiorno, che, grazie ai piani di investimento attuati negli ultimi anni, ha compiuto grandi progressi per l'ammodernamento delle proprie infrastrutture e che ora deve rivolgere i propri sforzi nella direzione di una piena integrazione con le reti di trasporto europei.

Che il settore al Sud sia in pieno fermento, ha spiegato Bianchi in occasione della presentazione, a Palazzo Chigi alla presenza del premier Romano Prodi, del volume dell'Enac dal titolo ''Aeroporti del Mezzogiorno'', lo dimostrano tutte le iniziative messe in atto nell'arco di quest'ultimo anno. ''Abbiamo rilasciato- ha riferito Bianchi- concessioni totali agli aeroporti di Pisa, Alghero, Catania, Palermo e Cagliari. Si sono realizzate le nuove aerostazioni di Brindisi e Grottaglie, abbiamo riaperto Comiso. Sotto esame sono le concessioni per Lamezia Terme, Crotone, Pontecagnano, Reggio Calabria''.

A questo si aggiungono le iniziative sul piano legislativo che vedono, tra l'altro, il disegno di legge sulla riclassificazione degli aeroporti. ''Ci sono le condizioni- ha assicurato il ministro dei Trasporti- per sviluppare una politica attenta nei prossimi anni''. (segue)

(Mcc-Vam/Ct/Adnkronos)