FINCANTIERI: FIOM, RACCOLTA FIRME CONTRO IPO SFONDA TETTO 70% LAVORATORI (2)
FINCANTIERI: FIOM, RACCOLTA FIRME CONTRO IPO SFONDA TETTO 70% LAVORATORI (2)

(Adnkronos) - Sospetti e dubbi messi nero su bianco sul volantino che viene distribuito in queste ore a cui da voce il coordinatore nazionale del gruppo Fincantieri, Sandro Bianchi: "Non vorrei che dietro ci fosse un altro disegno che mira, piu' che a dare un futuro alla cantieristica, solo ad acquisire il patrimonio immobiliare di Fincantieri che renderebbe molto di piu' di quel 2% di redditivita' registrata", dice profilando l'eventualita' di una sorta di maxi-cartolarizzazione.

Un'ipotesi, questa, legata, per la Fiom, alla bassa redditivita' denunciata dal settore: "Collocare in Borsa una societa' con una redditivita' sotto al 2%, inferiore ai tassi di interesse, significherebbe sbricolare il Gruppo", spiega ancora Bianchi. Senza contare le preoccupazioni del sindacato sul fronte occupazionale: "La cantieristica e' un settore ad alta densita' di forza lavoro", spiega ancora Rinaldini. Ma il sindacato non e' solo. Anche i sindaci coinvolti dal settore e la stessa Regione Liguria, dice ancora la Fiom, chiedono sostanzialmente l'azzeramento dell'operazione e la riapertura di un tavolo di trattativa sul piano industriale.

"Ci sono dunque tutte le condizioni per riaprire il ragionamento a tutto campo", incalza ancora il leader delle tute blu della Cgil, puntando il dito contro il tentativo "singolare" del governo di "dirottare su altri tavoli" la discussione del piano industriale che invece e' strettamente legato a quello della collocazione in Borsa del Gruppo, voluta per reperire risorse per far fronte a nuovi investimenti di rilancio, e che per la Fiom "e' da azzerare e riscrivere completamente". E in questo contesto Rinaldini non intende neppure "drammatizzare" la distanza che oppone la Fiom ai cugini di Fim e Uilm, favorevoli invece all'operazione purche' sia garantito il 51% in mani pubbliche. "Non voglio drammatizzare le diverse posizioni perche' chi deve rispondere alle nostre richieste e' il governo. La vertenza e' con l'esecutivo non tra i sindacati", conclude.

(Tes/Col/Adnkronos)