FINCANTIERI: FIOM, RACCOLTA FIRME CONTRO IPO SFONDA TETTO 70% LAVORATORI
FINCANTIERI: FIOM, RACCOLTA FIRME CONTRO IPO SFONDA TETTO 70% LAVORATORI
RINALDINI, GOVERNO ASCOLTI NO DI OLTRE 6.400 DIPENDENTI

Roma, 12 giu.(Adnkronos) - Si 'irrobustisce' il no della Fiom alla collocazione in borsa del 48% del capitale di Fincantieri: oltre 6.400 lavoratori diretti del Gruppo, su 9.300, hanno infatti firmato l'appello con cui si chiede al premier, Romano Prodi, di fermare l'operazione di privatizzazione e la quotazione in borsa. Un 'no' che raccoglie circa il 70% dei dipendenti e che sara' 'girato' a Palazzo Chigi il prossimo 15 giugno, al termine di una manifestazione nazionale a Roma che scandira' lo sciopero generale di otto ore dei lavoratori del Gruppo.

"Il governo farebbe male a non tener conto della richiesta che arriva dai lavoratori", commenta il leader della Fiom, Gianni Rinaldini, presentando gli ultimi dati sull'andamento della raccolta firme che arrivano all'indomani del 'vertice' triangolare a Palazzo Chigi che di fatto ha rinviato ogni decisione al nuovo round del 21 giugno prossimo. Un appuntamento al quale la Fiom si presentera' per ribadire le ragioni della sua netta opposizione all'operazione.

"Il collocamento in borsa e' assolutamente incomprensibile", spiega ancora Rinaldini che avanza il sospetto che in realta', dietro la decisione, possa celarsi la "volonta' di sfondare il tetto del 48% da collocare sul mercato" dando corpo ai timori che Fincantieri possa conoscere "lo stesso destino di Alitalia per la quale lo Stato ha poi messo sul mercato l'intero pacchetto azionario da lui detenuto, o peggio di Telecom". "Il 51% in mano pubblica non e' per noi una garanzia", spiega. (segue)

(Tes/Col/Adnkronos)