BOLOGNA: CDL INSORGE IN AULA DI CONSIGLIO, 'NO' AD EVENTI BLASFEMI
BOLOGNA: CDL INSORGE IN AULA DI CONSIGLIO, 'NO' AD EVENTI BLASFEMI
POLO E DL ATTACCANO COMUNE E REGIONE PER AVER CONCESSO PATROCINI

Bologna, 18 giu. - (Adnkronos) - La Cdl di Bologna, affiancata dalla Margherita, insorta oggi nell'aula del consiglio comunale di Palazzo D'Accursio contro la performance intitolata 'La Madonna piange sperma', messa in calendario per il prossimo 29 giugno negli spazi di vicolo Bolognetti (sede del Quartiere San Vitale) e gi cancellata dagli stessi promotori. "Non possibile concedere patrocini di alcun genere, neanche gratuiti ad iniziative che incitano alla trasgressione" ha detto l'esponente dell'Udc Maria Cristina Marri, parlando di "offesa alla cristianit persistente e tenace cui si deve agire".

Durissimo l'attacco di tutta l'opposizione, infatti, alla scelta di Comune e Regione Emilia Romagna di concedere il patrocinio all'evento che, secondo Marri, veicola "un messaggio perverso ed anti-educativo". Dello stesso tenore, l'intervento di Valentina Castalidini (Fi) che ha parlato di una "citt infastidita" e di una "situazione paradossale, perch non possibile patrocinare un'iniziativa senza conoscerne i contenuti", sottolineando anche che "chi non ha lavorato bene deve prendersi le sue responsabilt, quindi giusto chiedere le dimissioni del presidente del Quartiere San Vitale Carmelo Adagio".

"Riduttivo", secondo l'azzurro Lorenzo Tomassini, "attribire le responsabilit alle sole associazioni promotrici". Tomassini ha puntato, infatti, il dito contro Comune e Regione, chiarendo che "le dimissioni di Adagio non sono una forzatura". (segue)

(Mcb/Zn/Adnkronos)