** NOTIZIARIO SERVIZI PUBBLICI ** (40)
** NOTIZIARIO SERVIZI PUBBLICI ** (40)

(Adnkronos/Ign) –

ELETTRICITA': DA 1 LUGLIO LIBERI DI SCEGLIERE FORNITORE

Una vera e propria rivoluzione nel mercato dell'elettricita'. Dal primo luglio, infatti, anche le famiglie, come succede attualmente per le aziende, potranno scegliere liberamente il proprio fornitore di energia elettrica. Una svolta connessa alla liberalizzazione del mercato elettrico in tutta Europa che in Italia riguardera' ben 27,4 milioni di clienti e certamente rimescolera' le carte del settore. E proprio per garantire una buona gestione del passaggio dal vecchio al nuovo regime, e' arrivato puntuale il via libera del Consiglio dei ministri al decreto legge per la liberalizzazione del mercato dell'energia che contiene le misure per tutelare i consumatori.

Provvedimenti, questi, che permetteranno tra due settimane, in particolare, a chi vorra' guardare a nuove offerte di farlo subito senza incorrere nel rischio di aumenti ingiustificati dei prezzi mentre chi vorra' rimanere con il proprio vecchio fornitore puo' farlo continuando ad avere le garanzie attuali fino a quando il processo di liberalizzazione non sara' compiutamente liberalizzato. Per le forniture ai clienti domestici elettrici che cambiano fornitore e per i clienti domestici del gas che, pur potendo gia' cambiare fornitore dal 2003, ancora non lo hanno fatto, l'Autorita' per l'energia elettrica e il gas indichera' condizioni standard di erogazione e prezzi di riferimento.

Per le nuove tariffe sociali, invece, bisognera' anche aspettare. Entro la fine dell'estate sara' completata la concertazione sul decreto interministeriale per le tariffe sociali che entreranno in vigore dal primo gennaio 2008. Il ministero dello Sviluppo Economico chiedera' il parere della Conferenza Unificata in modo da fornire all'Authority i criteri in base ai quali riordinare l'attuale meccanismo di agevolazione tariffaria. I nuovi criteri, in particolare, individueranno le categorie di soggetti in condizioni di svantaggio economico e sociale. (segue)

(Ign/Gs/Adnkronos)