SCUOLA: LO PSICHIATRA, STUDENTI NON TEMANO MATURITA' (2)
SCUOLA: LO PSICHIATRA, STUDENTI NON TEMANO MATURITA' (2)

(Adnkronos/Ign) - Per apprendere meglio utile, e pu essere divertente, "ripetere insieme a qualche compagno di classe con cui si ha un buon feeling", consiglia ancora Morelli, sottolineando che lo studio condiviso "un meccanismo utile alla redistribuzione dell'ansia". Infine, inutile "riempirsi di sostanze" o "esagerare con i caff".

Il direttore di "Riza Psicosomatica" lancia poi una 'frecciata' contro chi vorrebbe esami pi duri: "Il meglio lo diamo quando siamo coinvolti in un processo creativo che ci appassiona, e non quando studiamo. La creativit esplode quando non abbiamo norme - sottolinea Morelli - quando non c' ansia", e aggiunge: "Noi insegnanti insegnamo cose in modo meccanico", con "linguaggi e modi di altri tempi". Per questo, sottolinea, "i nostri figli hanno talenti inesplorati".

La scuola di oggi "dovrebbe essere un luogo di aggregazione e non di prove mnemoniche", conclude Morelli che ricordando infine il suo esame di maturit afferma: "A distanza lo ricordo come un incubo. Nei temi di italiano andavo male ma oggi, dopo la maturit, ho scritto 30 libri. E questo accade perch fuori dal tema che realizziamo la nostra capacit".

(Ign/Pn/Adnkronos)