TERREMOTI: NELL'ANTICA HIERAPOLIS ARRIVA IL PARCO ARCHEO-SISMOLOGICO
TERREMOTI: NELL'ANTICA HIERAPOLIS ARRIVA IL PARCO ARCHEO-SISMOLOGICO

Roma, 18 giu. (Adnkronos) - Parchi archeologici per tutti i gusti e sparsi sull'intero pianeta. Ma ora potremo visitare anche quello ‘sismologico’ che l’Istituto per i beni archeologici e monumentali (Ibam) del Cnr sta realizzando presso l’antica Hierapolis, attuale Pamukkale, in Turchia. E' un'area unica nel suo genere che conserver tutte le testimonianze dei numerosi sismi che colpirono questa importante citt ellenistico-romana della Turchia, situata nel percorso che univa l’Anatolia interna al Mediterraneo.

Il progetto, avviato dal Cnr in collaborazione con i geologi dell’Universit di Pamukkale, uno dei tanti risultati della locale Missione Archeologica italiana, passata dal 2000 sotto la direzione del professor Francesco D’Andria dell’Ibam-Cnr. Ad essa spetta il compito di riportare alla luce e valorizzare le rovine della citt frigia, la cui esistenza fu travagliata da numerosi terremoti che ne decretarono il definitivo abbandono nel XIII-XIV sec.

Oltre che ai monumenti di epoca romano-bizantina, quali il teatro perfettamente conservato, il tempio di Apollo, il complesso termale, il Martyrium di San Filippo, la citt deve il suo fascino anche ai suoi particolari aspetti geologici, conosciuti fin dall’antichit. Come la presenza di acque termali che, scendendo tra le rocce e solidificandosi in alcuni punti, hanno creato nel corso dei secoli spettacolari cascate di pietra che danno il nome alla localit, Pamukkale, ovvero ‘castello di cotone’. Non solo. (segue)

(Ada/Gs/Adnkronos)