TERRORISMO: ABU OMAR, EGITTO MI OFFRI' DENARO E CHIESE SILENZIO PER NON IMBARAZZARE ITALIA (3)
TERRORISMO: ABU OMAR, EGITTO MI OFFRI' DENARO E CHIESE SILENZIO PER NON IMBARAZZARE ITALIA (3)

(Adnkronos/Aki) - Nella sua testimonianza, che giungeva dal luogo in cui attualmente detenuto, la Prigione di Tora, al Cairo, Abu Omar si dichiarava convinto che il suo cellulare italiano fosse intercettato. Spiegava inoltre che le autorit austriache hanno interrogato shaykh Muhammad Shawqi, un predicatore, chiedendogli molte informazioni riguardo Abu Omar.

Il memoriale si conclude con 5 richieste alla giustizia italiana; 1) un intervento per la scarcerazione e la fine di ogni tipo di tortura, sia fisica che psicologica; 2) un aiuto ad uscire dall'Egitto, ''perche' la mia permanenza significa la mia morte, anche a distanza di tempo''; 3) il non abbandono del suo caso e di ''quanto ne e' seguito, ovvero torture e prigionia''; 4) un aiuto economico e sanitario ''anche per lo stato in cui e' stata ridotta anche la mia famiglia''; 5) il mantenimento dello status di rifugiato politico.

(Ham/Pn/Adnkronos)