FRANCIA: CHITI, MEGLIO UNA SCONFITTA CHE UNA DEBACLE
FRANCIA: CHITI, MEGLIO UNA SCONFITTA CHE UNA DEBACLE

Firenze, 18 giu. - (Adnkronos) - "Meglio una sconfitta che una debacle". Il ministro per le Riforme ed i Rapporti con il Parlamento, Vannino Chiti, oggi a Vinci per l'inaugurazione della manifestazione "Semaines Franaises" e la consegna del Prix da Vinci ai giornalisti Marcelle Padovani e Bernardo Valli, contesta la tesi dell'ex consigliere di Mitterand, Jacques Attali, espressa oggi sul ''Corriere della Sera'', secondo il quale un vero tracollo avrebbe aiutato la sinistra francese a cambiare. "Non ho mai pensato che il rinnovamento di una forza politica - ha detto Chiti - sia piu' facile quando ci sono le debacle; francamente e' una concezione strana, un po' astratta".

Secondo il ministro Chiti, e il riferimento sembra non essere solo alla sinistra francese, "e' piu' facile rinnovarsi quando c'e' una situazione di una certa solidita', anche se a volte puo' venire uno stimolo sia dalle necessita' che si pongono di volta in volta in un paese, sia da una battuta d' arresto". Il recupero, non previsto dai sondaggi, registrato ieri in Francia dal Partito Socialista, si puo' vedere, secondo Chiti, come ''una dimostrazione di saggezza dei cittadini francesi che, avendo scelto un presidente, al quale hanno assicurato la maggioranza in Parlamento per dare a chi governa una maggioranza certa e stabile, ieri hanno pensato che era anche necessario mantenere un equilibrio, un pluralismo, perche' di questo si nutre la democrazia".

(Fas/Gs/Adnkronos)