INTERCETTAZIONI: MASTELLA DIFENDE MAGISTRATI, DI PIETRO TEME 'INCIUCIO' (5)
INTERCETTAZIONI: MASTELLA DIFENDE MAGISTRATI, DI PIETRO TEME 'INCIUCIO' (5)
LEONI (SD), EQUILIBRIO SU GIUDICI E STAMPA

(Adnkronos) - ''Al di la' del merito specifico, che verra' giustamente valutato nelle opportune sedi emerge -avverte Donadi- un altro squallido quadretto di pericolosi intrecci tra politica e finanza che assesta un nuovo e duro colpo alla credibilita', gia' duramente compromessa, di questa classe politica". Difende i magistrati anche il vicepresidente della Camera, Carlo Leoni. ''Non mi piace questo clima da 'union sacree' contro la magistratura in tema di intercettazioni telefoniche''.

''Che su questa materia sia necessario un intervento legislativo non ho dubbi, ma quest'intervento -spiega l'esponente di Sinistra democratica- va fatto in modo equilibrato anche nei confronti della libera stampa''. ''In ogni caso -osserva Leoni- la priorita' nell'attivita' legislativa -per le prossime settimane non e' questo: ma e' la riforma dell'ordinamento giudiziario, vista la scadenza ormai incipiente del prossimo luglio''.

''Il modo peggiore per rispondere ad una certa polemica contro la politica sarebbe proprio quello di una difesa 'castale' trasversale, che ancora una volta mette sul banco degli imputati magistrati e giornalisti. A me piacerebbe di piu' che i massimi leader politici italiani, soprattutto del centrosinistra, si interessassero di piu' delle condizioni di vita dei lavoratori e dei pensionati, piuttosto che delle fortune di certi avventurieri della finanza''. Forza Italia non esita a denunciare l'intreccio ''perverso e malvagio tra settori della grande stampa e di certa magistratura''. (segue)

(Pol-Leb/Pn/Adnkronos)