CASSAZIONE: SERGIO CUSANI PAGHERA' TASSE SUL REDDITO DI CAPITALI NON DICHIARATI
CASSAZIONE: SERGIO CUSANI PAGHERA' TASSE SUL REDDITO DI CAPITALI NON DICHIARATI
ACCOLTO RICORSO DEL MINISTERO DELLE FINANZE DOPO SCOPERTA DI OLTRE 6 MLD DI VECCHIE LIRE

Roma, 22 giu. (Adnkronos) -Sergio Cusani, l'ex consulente finanziario della famiglia Ferruzzi il cui nome e' legato alla vicenda delle tangenti Enimont, dovr pagare le tasse sul reddito di capitali non dichiarati. E' il risultato di una sentenza della Cassazione, che ha accolto il ricorso del ministero delle Finanze contro la decisione della commissione tributaria regionale della Lombardia, che aveva dato ragione all'ex finanziere per una questione squisitamente tecnica, dovuta al fatto che nel corso degli accertamenti Irpef e Ilor non erano state indicate le aliquote applicate. Gli accertamenti venivano dunque invalidati fino a quando vennero scoperti nuovi fondi all'estero, relativi ad un "reddito di capitale attribuito al Cusani e derivante da investimenti all'estero", questa volta con le aliquote applicate.

Secondo la sezione Tributaria della Cassazione, anche dopo che l'atto nullo stato annullato dal giudice, l'Amministrazione "pu nuovamante emettere un nuovo atto" se ha elementi nuovi in mano. E in questo caso gli elementi nuovi c'erano, dal momento che a Cusani era stata fatta "l'ulteriore contestazione di redditi di capitale non dichiarati" per oltre 6 miliardi di vecchie lire. Nel caso in questione, osservano i giudici di piazza Cavour, "l'ufficio non si limitato ad integrare le parti dell'accertamento che davano luogo ad invalidit, ma ha esercitato il proprio potere di accertamento, che non si era consumato attraverso l'emanazione degli atti annullati, ottemperando alla pronuncia di annullamento, come gi aveva fatto annullando d'ufficio l'accertamento relativo all'Ilor".

(Dav/Pe/Adnkronos)