MEDICINA: 50 MILA ITALIANI IN DIALISI, IN AUMENTO DEL 10% L'ANNO
MEDICINA: 50 MILA ITALIANI IN DIALISI, IN AUMENTO DEL 10% L'ANNO
INDAGINE UE, OLTRE UNO SU 3 IN GRAVE RITARDO DAL NEFROLOGO

Barcellona, 22 giu. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Sono circa 50 mila e in media 'over 65' gli italiani con deficit renale costretti alla dialisi, ai quali si aggiungono altri 2-3 milioni di connazionali in stadio di malattia grave, a rischio di trattamento dialitico. I numeri sono aumentati del 20% in 5 anni (1999-2004) e crescono del 6-10% l’anno, ma l’emergenza e’ ancora troppo spesso sottovalutata. E cosi’, piu’ di un paziente della penisola su tre arriva nell’ambulatorio del nefrologo con reni gia’ in gran parte compromessi, in uno stadio di ‘scompenso’ ormai grave (grado 4 o superiore).

Sono solo alcuni dei dati emersi dalla prima indagine sull’approccio dei medici all’anemia associata all’insufficienza renale cronica, commissionata ad Harris Interactive dalla Societa’ europea di nefrologia-dialisi e trapianto (Era-Edta) e sostenuta dalla compagnia biotecnologica americana Amgen. La ricerca - presentata oggi durante un incontro promosso dall’azienda in occasione del Congresso Era-Edta al via a Barcellona, Spagna - ha coinvolto 369 nefrologi di 5 Paesi europei (Germania, Francia, Italia, Regno Unito e Spagna), di cui 82 italiani. (segue)

(Sal/Pn/Adnkronos)