MEDICINA: LO STUDIO, SANGUE CORDONE OMBELICALE CONTRO DIABETE TIPO UNO
MEDICINA: LO STUDIO, SANGUE CORDONE OMBELICALE CONTRO DIABETE TIPO UNO
TIENE A BADA I LIVELLI DI GLICEMIA PICCOLI PAZIENTI

Chicago, 22 giu. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Potrebbe venire dal sangue del cordone ombelicale un prezioso contributo contro il diabete di tipo 1, meglio noto come diabete giovanile, poiche’ colpisce piccoli e giovanissimi. Il loro sistema immunitario si ribella, attaccando e distruggendo le beta-cellule del pancreas che hanno il compito di ‘fabbricare’ insulina.

Ebbene, uno studio pilota statunitense presentato al 67esimo congresso dell’American Diabetes Associations, che ha aperto i battenti oggi a Chicago, mostra come in bambini tra i 2 e i 7 anni trattati per la prima volta al mondo con il sangue del proprio cordone - grazie alla conservazione di tipo autologo del prezioso materiale - la glicemia nel sangue resta sotto i livelli di guardia, con risultati di gran lunga migliori rispetto ai piccoli trattati con la sola insulina. Non solo. Dopo sei mesi di terapia, questi pazienti avevano bisogno anche di dosi minori di insulina rispetto al gruppo di controllo.

“Sei mesi sono pochi per poter dire se questa e’ la strada da percorrere - afferma Michael Aller, docente di endocrinologia alla University of Florida College of Medicine a capo dello studio - ma questi risultati ci lasciano ben sperare. Inoltre, noi puntiamo a sfruttare le possibilita’ offerte da questa tecnica per una ampia fascia di popolazione, e non solo per quei piccoli che possono contare su una riserva personale di cellule da cordone. Speriamo in futuro di poter estrapolare i punti di forza di queste cellule, magari dando vita a un vero e proprio cocktail farmacologico per tutte le persone alle prese con questa patologia”.

(Sal/Pe/Adnkronos)