** NOTIZIARIO SERVIZI PUBBLICI ** (17)
** NOTIZIARIO SERVIZI PUBBLICI ** (17)

(Adnkronos/Ign) –

ENERGIA: MSE, CON ACCORDI PROGRAMMA 60 MLN PER RICERCA SISTEMA ELETTRICO

Il Ministero dello sviluppo economico (Direzione generale energia e risorse minerarie) ha firmato ieri gli Accordi di programma triennali per lo sviluppo di progetti di ricerca di interesse pubblico, i cui risultati saranno resi disponibili a tutti gli utenti del sistema elettrico nazionale, per complessivi 60 milioni di euro. Lo comunica una nota del ministero rilevando che ''scopo di queste attivita' di ricerca e' quello di consentire, nel medio e lungo termine, uno sviluppo del sistema elettrico coerente con le necessita' economiche e sociali del Paese e con i nuovi obiettivi di qualita' ambientale del sistema di produzione di energia''.

I finanziamenti, gia' esistenti, provengono dal Fondo per la ricerca, istituito presso la Cassa conguaglio per il settore elettrico e alimentato con una quota della bolletta elettrica, secondo disposizioni dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas.

Gli accordi sono stati stipulati con Enea, Cnr e Cesi Ricerca, organismi di comprovata esperienza nel campo della ricerca di settore elettrico, su temi di interesse dell'intera filiera elettrica individuati nell'ambito degli obiettivi e delle priorita' della politica energetica nazionale.

Tra questi temi, rileva la nota, rientrano: affidabilita' e sicurezza del sistema elettrico; tecnologie avanzate per l'impiego del carbone e il sequestro di CO2; prestazioni ambientali degli impianti a ciclo combinato; tecnologie innovative per il ciclo dell'idrogeno e delle fonti rinnovabili; sistemi per la generazione distribuita e l'uso efficiente dell'energia; partecipazione italiana agli accordi di cooperazione tecnologica internazionale.

Avviati i primi finanziamenti per la ricerca di sistema elettrico, seguira', in tempi brevi, l'avvio delle attivita' per l'affidamento dei progetti di ricerca, non rientranti negli accordi di programma e previsti nel Piano triennale, che saranno ammessi a finanziamento del Fondo tramite procedure concorsuali. (segue)

(Ign/Gs/Adnkronos)