RICERCA: STUDIO ITALIANO, DA CELLULE CAPELLI PELLE NUOVA PER CURA FERITE DIFFICILI
RICERCA: STUDIO ITALIANO, DA CELLULE CAPELLI PELLE NUOVA PER CURA FERITE DIFFICILI
FRUTTO DEL LAVORO DI TRE UNIVERSITA', ENTRO DUE ANNI SUL MERCATO

Roma, 22 giu. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Pelle nuova, prodotta utilizzando le cellule dei capelli dello stesso paziente, per curare ferite difficili, quelle cio che non si cicatrizzano mai per danni del diabete, per disturbi vascolari o lesioni legate a ustioni e incidenti. E' il risultato di uno studio condotto da tre atenei italiani - Pisa (Unit operativa di dermatologia, sezione riparazione tessutale cutanea), Genova (Chirurgia plastica, sezione di ingegneria tissutale) e Bari (Anatomia umana e istologia) - finanziato da fondi europei con il contributo di un imprenditore, a capo del Bioscience Institute, che ha investito risorse perch la scoperta si trasformi concretamente in un prodotto disponibile sul mercato. E ci potrebbe accadere, stimano gli studiosi, fra due anni.

I ricercatori hanno scoperto che possibile utilizzare le cellule epidermiche del bulbo capillare che producono cheratina e 'sposarle' con lembi di pelle del malato ingranditi in laboratorio. In questo modo si ottiene, 'in vitro', un tipo di pelle, prodotta con cellule autologhe, che possiede sia derma sia epidermide e che in grado di riparare le lacerazioni cutanee pi difficili da curare. Allo studio - si legge in una nota dell'Azienda ospedaliera pisana - ha contribuito la Sezione di riparazione tessutale cutanea dell'azienda ospedaliera, diretta da Marco Romanelli che ricorda come ''i pazienti che soffrono per ferite croniche sono in costante aumento. Non solo anziani con problemi vascolari e di diabete - spiega - ma anche persone che hanno subito gravi incidenti o ustioni, presentano ferite alle gambe profonde come crateri, che sembrano richiudersi ma poi si riaprono e si infettano facilmente”. (segue)

(Sal/Ct/Adnkronos)