SANITA': POLICLINICO MILANO, REGIONE TOLGA TETTO ESAMI RIMBORSABILI
SANITA': POLICLINICO MILANO, REGIONE TOLGA TETTO ESAMI RIMBORSABILI
L'APPELLO, POTREMMO TRIPLICARE TEST DIAGNOSTICI CON NUOVA PET-CT

Milano, 22 giu. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - “Se la Regione togliesse, per alcuni settori della diagnostica, il tetto degli esami rimborsabili, il Policlinico di Milano potrebbe sfruttare al massimo le sue macchine sofisticate e ridurre sensibilmente i tempi d’attesa”. E’ l’appello che Paolo Gerundini, direttore dell’Unit di medicina nucleare dell’ospedale milanese, rivolge al Pirellone, al termine dell’inaugurazione, nella struttura di via Sforza, della prima Pet-Ct, una macchina che abbina la tomografia ad emissione di positroni alla Tac.

“I tempi d’attesa per prenotare una tac - spiega Gerundini - superano anche i 30 giorni. Quando la gente ci chiede perch, noi abbiamo difficolt a spiegare che c’ un bilancio da rispettare e un limite di test diagnostici oltre il quale la Regione non ci rimborsa pi”. Con il nuovo sistema - il primo a essere installato in Europa - si riduce notevolmente il tempo necessario ad acquisire le immagini. “Tanto che - calcola Gerundini - se con la vecchia tac facevamo 2 mila esami l’anno, con la nuova Pet/Ct potremmo garantirne 4mila. E nel complesso i test diagnostici potrebbero triplicarsi, raggiungendo quota 6 mila. Ma perch questo avvenga, la Regione dovrebbe abbattere i limiti”.

Il messaggio del medico chiaro: “Abbiamo la tecnologia. Perch non sfruttarla?”. Soprattutto se l’investimento per mettere a punto il centro diagnostico si aggira intorno ai due milioni di euro. La Pet/Ct, frutto dell’evoluzione tecnologica raggiunta da Siemens, si basa su un sistema ibrido che permette di acquisire immagini funzionali e anatomiche in un’unica procedura della durata di pochi minuti e non invasiva per il paziente. (segue)

(Sal/Pe/Adnkronos)