PEDOFILIA: BINDI, APOLOGIA DIVENTI REATO (3)
PEDOFILIA: BINDI, APOLOGIA DIVENTI REATO (3)
FARE EMERGERE ABUSI SESSUALI PER COMBATTERLI MEGLIO

(Adnkronos) - Secondo l'esponente dell'esecutivo "l'osservatorio potrebbe diventare una sede di coordinamento anche scientifico, di conoscenza, di approfondimento su questo fenomeno che dilaga in maniera cos preoccupante, senza nessun atteggiamento omertoso. Ritengo che il modo migliore per combattere gli abusi sessuali sia quello di portarli e farli emergere alla luce del sole, di non aver paura di parlarne, n se avvengono nella famiglia, n se avvengono in strutture educative, n se coinvolgono la Chiesa, n se riguardano i potenti e i politici. Ci proprio perch l'odiosit e la pericolosit degli abusi sessuali nei confronti dei minori tanto pi forte quando avviene all'interno dei rapporti affettivi, dei rapporti familiari, dei rapporti di fiducia, dei rapporti educativi".

"In questo senso, ritengo che anche l'atteggiamento della politica e delle istituzioni debba essere tale da incoraggiare l'emersione da quel cono d'ombra, dentro il quale si consumano atteggiamenti che, se in un primo momento non possono essere qualificati come atti di abuso o di pedofilia, possono rappresentare il terreno sul quale poi l'abuso sul minore aumenta e si moltiplica. Da questo punto di vista, quindi, l'osservatorio deve essere -e pu essere- uno strumento molto prezioso. Occorre, inoltre, far funzionare meglio il Comitato interministeriale cosiddetto 'Ciclope', che presieduto dal ministro della Famiglia e al quale partecipano tutte le amministrazioni interessate (in maniera particolare, l'Interno, la Giustizia, la Salute, l'Istruzione, le Comunicazioni). Ci al fine di alimentare una banca dati -per la quale abbiamo gi predisposto una gara d'appalto- che ci potr fornire tutti i dati di conoscenza necessari per meglio combattere il fenomeno, per meglio prevenirlo, per meglio recuperare le vittime e anche per curare chi si macchia di questo terribile reato".

"Ritengo che su questa strada -ha concluso Bindi- sia possibile rafforzare l'azione del governo e costruire una grande collaborazione, che coinvolga non solo tutte le forze politiche, ma anche tutte le forze sociali e le centrali educative del nostro Paese. Credo che tale collaborazione possa aiutare i nostri minori, le nostre famiglie, tutte le agenzie educative, a partire dal sistema delle comunicazioni e delle telecomunicazioni, a realizzare una forte alleanza, a tutela della dignit dei minori e della serenit dei rapporti all'interno della societ".

(Sam/Ct/Adnkronos)