'NDRANGHETA: OPERAZIONE 'BLESS', SCOPERTI AUTORI DI 22 OMICIDI (2)
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


'NDRANGHETA: OPERAZIONE 'BLESS', SCOPERTI AUTORI DI 22 OMICIDI (2)

(Adnkronos) - La determinazione di Ianno' a collaborare con la giustizia stata lunga e sofferta, hanno spiegato gli inquirenti nel corso della conferenza stampa. La sua collaborazione inizia nell'estate 2002 per gli inquirenti si tratta, infatti, dell'abiura di un capo ‘‘prestigioso’‘ che dichiara di essere il mandante (e talvolta anche l'esecutore) di omicidi eseguiti con zelo e ferocia tali da indurre, in un caso, il suo capo Pasquale Condello a impedirgli di condurre la ‘‘spedizione di morte’‘ per la quale il Ianno’ si era offerto ‘‘volontario’‘. Sulla base degli elementi raccolti per gli inquirenti e' di tutta evidenza che la partecipazione del gruppo Ianno' allo scontro armato reggino fra le fila ‘‘antidestefaniane’‘ ha avuto come esito il riconoscimento della supremazia 'ndranghetistica nel comprensorio di Gallico.

Gli investigatori della Dia, della Polizia e di Carabinieri hanno ricordato che l'indagine ha riguardato gli omicidi, per taluni dei quali altri soggetti hanno gi riportato condanne definitive. Le indagini hanno aggiunto gli investigatori nel corso della conferenza stampa hanno portato alla conclusione che in ciascuno degli episodi la motivazione fondamentale di ogni azione criminosa nella supremazia mafiosa, nell’ambito dello scontro armato fra i contrapposti schieramenti, Condelliano e Destefaniano, durante la seconda guerra di mafia (1985 1991), iniziata con l'omicidio di Paolo De Stefano avvenuto il 13 ottobre 1985, attribuito ai condelliani come ritorsione al fallito agguato del 10 ottobre con l'autobomba di Villa San Giovanni, ai danni di Antonino Imerti classe 1946. (segue)

(Prs/Pn/Adnkronos)