CONSUMI: CONFCOMMERCIO, IN ITALIA IN DIECI ANNI +10,9% SETTORE TLC
CONSUMI: CONFCOMMERCIO, IN ITALIA IN DIECI ANNI +10,9% SETTORE TLC
IN ALTRI SETTORI E' AL DI SOTTO DELLA MEDIA UE

Roma, 8 ago. - (Adnkronos) - In dieci anni radicalmente cambiata la struttura dei consumi in Europa: nel 1995 si spendeva di pi per alimentari e vestiario, nel 2005 trasporti, comunicazioni e servizi ricreativi, alberghi e ristoranti sono in testa alle preferenze dei consumatori europei. L’Italia ha registrato incrementi molto modesti in tutti i comparti di spesa, ad eccezione del capitolo comunicazioni (+10,9%), e in molti casi al di sotto della media europea. E' quanto risulta da un'indagine di Confcommercio sul periodo 1995-2006 incentrata sui consumi in europa.

Uno studio incentrato sui consumi che, nel 2005, hanno inciso per quasi il 60% sul Pil nella media dei 16 paesi dell’Ue. Performance simile a quella dell’Italia anche per la Francia che registra i maggiori incrementi di spesa nelle comunicazioni (+12,6%) e per i prodotti e servizi ricreativi e culturali (+5,6%). Sul versante prezzi crescono, nella media del decennio, quelli relativi a sanit, istruzione, tabacchi e abitazione (tutti intorno ad un +3,9%); diminuiscono quelli delle telecomunicazioni (-1,6%).

Nell’arco di questi dieci anni, l’Irlanda il paese che ha registrato i maggiori incrementi di spesa per prodotti alimentari (+2,9%), abbigliamento e calzature (+10,45%), trasporti (+6,1%), comunicazioni (+22,2%), il Lussemburgo per bevande alcoliche e tabacchi (+4,5%), la Gran Bretagna per ricreazione e cultura (circa l’8%), la Grecia per il comparto ristorazione e alberghi (+4,8%), la Svezia per l’istruzione (+13,3%), la Spagna per abitazione, energia e acqua (+3,9%).

(Gsa/Col/Adnkronos)