UNICREDIT-CAPITALIA: DE GREGORIO, ALLONTANAMENTO DA ROMA E' IATTURA PER SUD
UNICREDIT-CAPITALIA: DE GREGORIO, ALLONTANAMENTO DA ROMA E' IATTURA PER SUD
LEADER 'ITALIANI NEL MONDO', VERRANNO PENALIZZATE OLTREMODO PMI

Roma, 8 ago. - (Adnkronos) - "Lo spostamento dei centri decisionali al nord una iattura per il sud". E' il commento del presidente della commissione Difesa a palazzo Madama e leader nazionale del movimento politico 'Italiani nel mondo', Sergio De Gregorio, sull'allontanamento da Roma delle strutture gestionali e decisionali del nuovo soggetto bancario nato dalla fusione di Unicredit e Capitalia.

"Viene meno la speranza delle popolazioni meridionali di potersi servire di uno strumento di sostegno al credito anche al sud penalizzando oltremodo le piccole e medie imprese", aggiunge De Gregorio. Il presidente di 'Italiani nel Mondo', inoltre, sposta l'attenzione su di "un diverso comportamento delle banche nella politica nord-sud: al nord i parametri del credito sono meno restritttivi rispetto al sud".

Da De Gregorio arriva inoltre una denuncia verso quella che "una politica disdicevole nei confronti di un'area, quella del Mezzogiorno, a sviluppo zero in Europa. Se ci si mettono anche le banche vuol dire che siamo alla fine". L'unica speranza, sottolinea il senatore, " che non venga meno il sostegno al credito da parte delle banche". Quanto al merger Unicredit Capitalia, "mi domando cosa faranno i sindacati: accetteranno questo spostamento o cercheranno di resistere?"

(Gsa/Gs/Adnkronos)