USA: COLPI BASSI AD HILLARY ED OBAMA SUL RING DEL SINDACATO
USA: COLPI BASSI AD HILLARY ED OBAMA SUL RING DEL SINDACATO
DURI GLI ATTACCHI AI FAVORITI AL DIBATTITO DELL'AFL-CIO

Washington, 8 ago. (Adnkronos) - Uno stato accusato di essere un irresponsabile in politica estera, mentre l'altra di essere troppo amica delle corporation e dei lobbisti. Non sono stati risparmiati colpi bassi contro Barack Obama ed Hillary Clinton dagli altri candidati presidenziali che ieri sono saliti sul ring dell'Afl-Cio, la principale organizzazione sindacale, per il dibattito finora pi agguerrito tra i democratici in lizza per le primarie.

"Per 15 anni ho combattuto contro la macchina di propaganda della destra e ne sono uscita pi forte" ha detto l'ex first lady, riferendosi agli attacchi ricevuti sin dall'inizio della campagna presidenziale del marito nel 1992, che in effetti ieri salita sul ring forte del vantaggio di 22 punti che avrebbe, secondo gli ultimi sondaggi, su Obama. E forse per questo, baldanzosa, ha aggiunto: "cos se volete un vincitore che sa come contrastarli, sono la vostra ragazza".

Da parte sua, il senatore dell'Illinois, ha continuato, nonostante le critiche e lo scivolone nei sondaggi, a martellare sulla politica estera. Ed alle accuse di irresponsabilit per le sue dichiarazioni belliciste sul Pakistan ha risposto cercando di colpire il tallone d'Achille di Hillary e di altri candidati minori, il voto in favore delle guerra: "trovo che sia divertente che chi ha aiutato ad autorizzare e preparare il pi grande disastro di politica estera della nostra generazione, ora mi critichi per il fatto di voler essere sicuro che siamo sul fronte giusto e non quello sbagliato nella lotta al terrorismo".

(Ses/Pe/Adnkronos)