FISCO: CAPEZZONE, SERVE SVOLTA AL RIBASSO
FISCO: CAPEZZONE, SERVE SVOLTA AL RIBASSO

Roma, 25 ago. (Adnkronos) - "In materia fiscale, non pi tempo di ritocchi, di correzioni omeopatiche. Serve una svolta al ribasso. Ecco perch noi di Decidere.net proponiamo una tassa piatta al 20%". Lo dice Daniele Capezzone, presidente della commissione Attivit produttive della Camera. "Cominciamo subito dicendo che la gran parte dei politici italiani sembra non rendersi conto di quello che accade poco lontano da noi: in Polonia, tasse al 19%; in Estonia, tasse al 24% (e ora al 20%); nella Repubblica Ceca, tassa piatta al 15%. Insomma, ovunque si comprende che, per attrarre risorse e investimenti, occorre agire sulla leva fiscale per incoraggiare singoli individui, famiglie, risparmiatori e imprese a stare su un certo territorio".

Capezzone aggiunge: "Ecco dunque la nostra proposta per le persone fisiche. Noi chiediamo di passare in 5 anni ad un'aliquota unica (flat tax) del 20%. Si dir: ma una cosa del genere costa troppo…Come pu permettersela l'Italia? Premesso che tutte le stime non tengono conto dell'assai verosimile effetto di recupero di gettito legato all'emersione di nuova base imponibile che sarebbe procurata dalla flat tax ( la celebre questione della curva di Laffer); e premesso che all'aliquota unica si arriverebbe per gradi, per cui fino all'entrata a regime (fino al 5 anno), i costi annualizzati sarebbero anche inferiori; premesso tutto questo, il costo annuo potrebbe essere compensato con una riduzione della spesa pubblica totale del 2% in cinque anni, cio dello 0,4% annuo (ossia dal 51% al 49%)".

"E non mi si dica che, con una spesa pubblica al 51% del Pil (in Inghilterra sono circa al 35%, 16 punti sotto!!), non sarebbe possibile tagliarla di meno di mezzo punto all'anno -dice ancora Capezzone-. Naturalmente, va realizzata una rimodulazione del sistema delle detrazioni e delle deduzioni, nonch della no tax area, al fine di assicurare il rispetto del principio di progressivit sancito dall' art.53 della Costituzione (in pratica: riduzione delle detrazioni e delle deduzioni per le fasce di reddito pi alte, e aumento per le fasce pi basse). Ecco, questo (insieme ad una ipotesi molto seria di federalismo fiscale competitivo, con un significativo trasferimento della potest impositiva dal livello centrale a quello periferico, e con la possibilit anche di pervenire a diversit di livelli di pressione fiscale locale nei diversi territori, proprio per favorire la competizione) sar il nucleo della proposta fiscale di Decidere.net . Illustreremo tutto in un grande convegno a Milano, il 29 settembre prossimo (al Teatro Angelicum): e preannunciamo che siamo pronti, prontissimi ad intese ed alleanze con chi vorr fare con noi un tratto di strada su questi obiettivi".

(Pol/Ct/Adnkronos)