LAVAVETRI: BINDI, TOLLERANZA ZERO CONTRO LA MAFIA NON CONTRO I DEBOLI
LAVAVETRI: BINDI, TOLLERANZA ZERO CONTRO LA MAFIA NON CONTRO I DEBOLI
SE VELTRONI SI ISPIRA A SANT'EGIDIO AGISCA DI CONSEGUENZA...

Roma, 1 set. (Adnkronos) - "Sa qual la cosa che mi indigna e non capisco? Non capisco perch molti sindaci, compreso Walter, dopo l'ordinanza del comune di Firenze, al grido di 'tolleranza zero!' si siano accaniti contro i lavavetri...". Il Walter in questione altri non che Veltroni, il sindaco di Roma che, secondo Rosy Bindi, se "si ispira alla Comunit di Sant'Egidio, bisogna poi saper trasferire nell'organizzazione della citt quel modello, e non il suo opposto...". Il tema, affrontato in un'intervista al ministro-candidato alla guida del Pd sulle pagine del "Corriere della Sera", la 'crociata' contro i lavavetri che molti primi cittadini d'Italia considerano un passo essenziale per ripristinare legalit e sicurezza.

Bindi non la vede proprio in questi termini. "Ah s? E perch, allora -obietta- non usano questi metodi anche contro la mafia, la camorra, contro le mille violenze che ogni giorno vengono inflitte a donne e bambini? Perch non c' 'tolleranza zero' anche contro l'illegalit quotidiana della nostra societ, nella quale siamo costretti a ritrovarci un tipo come quel Valentino Rossi che, pur evadendo le tasse, pur arrecando un danno grave alla collettivit, alla fine, quasi quasi, passa per essere uno molto ganzo e molto furbo?". (segue)

(Pol/Gs/Adnkronos)