ALITALIA: FORMIGONI, IL GOVERNO SI PRONUNCI
ALITALIA: FORMIGONI, IL GOVERNO SI PRONUNCI

Milano, 12 set. (Adnkronos)- "Rutelli ieri, Veltroni oggi. Entrambi a dire che l'Italia ha bisogno di due hub. Bene, anzi benissimo. Vedo con piacere il passo avanti che stato fatto da questi due esponenti politici. Ma allora cosa aspetta il Governo a battere un colpo? Perch delle due l'una: o il vice premier e il segretario in pectore del Partito Democratico parlano a titolo personale, e la cosa saprebbe di presa in giro, o esprimono una posizione politica che il loro Governo deve tradurre rapidamente in fatti". a sostenerlo e' il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni.

Il Governo, sottolinea Formigoni "a questo punto, bocci formalmente il piano di riorganizzazione presentato da Prato e costringa Alitalia a ritirarlo. Questo il provvedimento logico, se le parole di Rutelli, Veltroni e di altri ministri hanno un senso. E comunque - prosegue Formigoni - non accettabile che dopo due settimane, da quando riesploso il caso Alitalia, tutti abbiano espresso la propria posizione tranne il Governo nella sua forma istituzionale che quella collegiale. Quel Governo che contemporaneamente il maggiore azionista di Alitalia e il regolatore del traffico aereo nel nostro Paese. A questo punto insisto: il Governo ha il dovere di prendere posizione, dicendo che cosa pensa del piano di Alitalia che penalizza fortemente il Nord e l'intero Paese, assumendosene le responsabilit".

"Certamente - aggiunge Formigoni - non pu proseguire nel suo inaccettabile silenzio, in attesa magari che una rapida vendita-svendita di Alitalia da parte del commissario liquidatore gli tolga le castagne dal fuoco, confermando per intero le prospettive pi nere con il taglio delle rotte su Malpensa". (segue)

(Red-Ros/Lr-Pe/Adnkronos)