PREZZI: PANIFICATORI TOSCANI RESPINGONO ACCUSE AUMENTI (2)
PREZZI: PANIFICATORI TOSCANI RESPINGONO ACCUSE AUMENTI (2)

(Adnkronos) - “Ancora una volta, dunque - continua Landucci - i panificatori artigiani hanno mantenuto un atteggiamento responsabile verso i propri clienti contenendo gli aumenti, consapevoli che un aggravamento dei costi sarebbe difficilmente sopportabile dai consumatori il cui potere di acquisto si va sempre pi erodendo. Non c’ stato nessun aumento “vertiginoso” e tale da creare allarme, come del resto, nei giorni scorsi, ha riconosciuto lo stesso Governo attraverso le dichiarazioni del Presidente del Consiglio”.

“ preoccupante invece - sottolinea il presidente Cna Alimentare Toscana - la situazione in materia di approvvigionamenti delle materie prime, poich il nostro paese importa oltre il 50% dei cereali necessari al fabbisogno nazionale. Il massiccio utilizzo dei cereali per la produzione di biocarburanti sta accelerando il rialzo dei prezzi; nei prossimi anni una buona parte della produzione mondiale di grano sar destinata a questo scopo, continuando a provocare gli smisurati aumenti che gi si stanno manifestando e che, a quanto pare, non si fermeranno. Cos come aumenti vi sono stati per l’energia ( il prezzo del gas negli ultimi dodici mesi anch’esso quasi raddoppiato) e altri ancora vi saranno per i costi del personale, visto l’approssimarsi dei rinnovi contrattuali”. Cna Alimentare Toscana ha gi in programma, su questi argomenti, una serie di incontri con i panificatori che si terranno in alcune province della regione.

(Red-Xio/Pn/Adnkronos)