WELFARE: DA SINDACATI SI' A PROTOCOLLO, SU FIOM PIOGGIA DI CRITICHE (2)
WELFARE: DA SINDACATI SI' A PROTOCOLLO, SU FIOM PIOGGIA DI CRITICHE (2)
BONANNI, STRAPPO FIOM SEGNA DIPENDENZA DA POLITICA

(Adnkronos) - Ma sul voto di ieri del Comitato centrale della Fiom si e' abbattuta, dal fronte sindacale, una pioggia di critiche. A cominciare dal leader della Cisl, Raffaele Bonanni. "Lo strappo Fiom segna solamente il fatto che una parte del movimento sindacale rende conto alla politica. Segna il fatto che c' un vizio duro a morire in una parte importante del movimento sindacale, a seguire le evoluzioni e le involuzioni della politica", dice accusando i metalmeccanici della Cgil di ""indebolisce l'unit dei lavoratori e del sindacato". Il pluralismo di idee infatti "una risorsa importante per tutti i movimenti ma non al punto tale da rovinare l'unit e l'integrit del sindacato", aggiunge Bonanni ricordando come "il movimento sindacale altra cosa rispetto ai radicalismi e all'indisponibilit a qualsiasi sintesi che invece va ricercata con molta pazienza come abbiamo fatto noi".

Stesso tasto toccato dalla Uil di Luigi Angeletti.''Non possiamo permetterci il lusso di essere usati dalla politica'', dice. ''Noi dobbiamo chiedere ai lavoratori un giudizio sul merito di cio' che abbiamo negoziato perche' le piattaforme sono la somma dei desideri mentre gli accordi sono la realta''' aggiunge mettendo in guardia il parlamento dal modificare l'intesa con il governo. ''Questo accordo deve essere approvato da questo parlamento e non c'e' nessuna maggioranza che abbia la possibilita' di migliorare il protocollo'', conclude Angeletti.

(Tes/Pe/Adnkronos)