FINANZIARIA: DILIBERTO (PDCI), PER I CETI POPOLARI SI PUO' FARE DI PIU'
FINANZIARIA: DILIBERTO (PDCI), PER I CETI POPOLARI SI PUO' FARE DI PIU'
TAGLIO SPESE LIBRI DI TESTO OK, INCOMPRENSIBILI REGALI A IMPRESE

Roma, 29 set. - (Adnkronos) - Soddisfatto a met, il segretario del Pdci, Oliviero Diliberto, lascia la finanziaria sub jubice. "Fermo restando che mi riservo di studiare attentamente le carte, ci saremmo aspettati una legge finanziaria pi rivolta ai ceti popolari, per recuperare il consenso perduto dal governo in questo anno e mezzo e per affrontare il grave disagio sociale che vi nel Paese. Vi sono segnali, ancorch timidi, in quella direzione e in Parlamento lavoreremo proprio per politiche che accentuino quegli aspetti popolari della manovra".

"Apprezziamo alcune misure per i pi poveri e le detrazioni per le spese scolastiche, ad iniziare dai libri di testo, frutto di una battaglia dei Comunisti Italiani. Restano incomprensibili, invece, gli ulteriori regali alle imprese. Ma la partita fondamentale resta -avverte infine Diliberto- quella sul welfare e in particolare il tema del precariato su cui daremo battaglia in Parlamento e nel Paese, ad iniziare dalla manifestazione del 20 ottobre".

(Pol/Zn/Adnkronos)