CASO MORO: DE LUTIIS, I SEGRETI DI PALAZZO CAETANI (3)
CASO MORO: DE LUTIIS, I SEGRETI DI PALAZZO CAETANI (3)
LA PISTA MARKEVITCH E LE INDAGINI DEL SISMI DEL 1978

(Adnkronos) - Giuseppe De Lutiis cita inoltre l'ultima pista, in ordine di tempo, che ruota intorno a via Caetani: emersa nel 1998, quando il presidente della Commissione stragi, il diessino Giovanni Pellegrino, rivel che il Sismi nel 1978, mentre Moro era ancora in mano alle Br, aveva effettuato indagini su due componenti della famiglia Caetani, la duchessa Topazia e il marito, il direttore d'orchestra Igor Markevitch.

Indagini che il servizio segreto militare avvi, scrive De Lutiis nel volume dedicato al sequestro Moro, a seguito di un'informazione ricevuta dall'allora capo dei centri controspionaggio di Roma, il colonnello dei carabinieri Demetrio Cogliandro, da una fonte ritenuta "molto attendibile". Secondo la quale il musicista ucraino sarebbe stato un "punto di riferimento del terrorismo internazionale".

"Una pista promettente, che avrebbe meritato un'indagine ampia e circostanziata. Ma -rileva l'autore- non si ha notizia che dopo la relazione ai superiori il colonnello Cogliandro e i suoi uomini abbiano proseguito le loro ricerche". Dopo un fuoco di fila di commenti e piccate prese di posizione alla rivelazione di Pellegrino, anche sulla 'pista Markevitch', vera o falsa, calato il silenzio. (segue)

(Gdd/Opr/Adnkronos)