GIORNALISMO: A FERRARA GRANDI FIRME DI TUTTO IL MONDO PER FESTIVAL INFORMAZIONE
GIORNALISMO: A FERRARA GRANDI FIRME DI TUTTO IL MONDO PER FESTIVAL INFORMAZIONE
DA VENERDI' A DOMENICA PROSSIMA ORGANIZZATA DALLA RIVISTA 'INTERNAZIONALE'

Roma, 30 set. - (Adnkronos) - Un Festival per ragionare in modo coinvolgente e divulgativo sulle dinamiche di un mondo in continuo cambiamento. Partir il 5 ottobre, a Ferrara, la prima edizione de 'Internazionale a Ferrara', la manifestazione che riunisce giornalisti da tutto il mondo organizzata dalla rivista 'Internazionale'. Una tre giorni di incontri, tavole rotonde, proiezioni di documentari e mostre per capire, attraverso il confronto con i lettori, come i conflitti hanno ridisegnato i confini e gli equilibri geopolitici.

I temi degli incontri sono tutti di grande attualit e interesse. Si parte venerd 5 ottobre con la tavola rotonda 'L'Italia vista dagli altri' a cui parteciparanno Jennifer Grego del 'Financial Times', Jeff Israely del 'Time', Eric Jozsef di 'Liberation' e Michael Braun di 'Tageszeitung'. Tra gli altri appuntamenti, 'Lula e Chavez: i due volti della sinistra latinoamericana', coordinato da Ugo Pipitone, economista messicano; 'Cina: oltre la censura, l'informazione nell'era dei blog' con Pierre Haski vice direttore di 'Liberation' e Cai Chongguo, dissidente e blogger cinese. Dalla Cina al Medioriente con 'Israele-Palestina: dietro le quinte dell'occupazione', se ne discuter con Amira Hass, giornalista del quotidiano israeliano 'Ha'aretz'.

Grande attesa anche per l'incontro del 6 ottobre con Francesco Zizola, reporter di guerra e vincitore di tantissimi riconoscimenti a livello mondiale. Tema dell'appuntamento sar 'Fotografia digitale e verit', una discussione sulla manipolazione prodotta dalla diffusione del digitale. Marjane Satrapi, l'autrice iraniana premiata a Cannes per il film di animazione 'Persepolis', sar a Ferrara sempre il 6 ottobre per presentare per la prima volta il film che da noi uscir a gennaio.

Chiuder la manifestazione il colloquio tra lo scrittore Roberto Saviano e il reporter americano William Langewiesche, unico giornalista ammesso a Ground Zero dopo gli attentati dell'11 settembre, sul tema: 'Informazione, il futuro del giornalismo'.

(Red/Gs/Adnkronos)