GIUSTIZIA: GIUDICI DI PACE SUL PIEDE DI GUERRA, SERVE RIFORMA DELLA CATEGORIA (5)
GIUSTIZIA: GIUDICI DI PACE SUL PIEDE DI GUERRA, SERVE RIFORMA DELLA CATEGORIA (5)
PERSONALE MAL DISTRIBUITO, UFFICI SOVRAFFOLLATI E ALTRI CON UN SOLO GIUDICE

(Adnkronos) - Un altro problema che affligge i giudici di pace riguarda l’organico mal distribuito nei vari uffici. O meglio, distribuito in modo del tutto illogico. Ci sono sedi in cui il carico di lavoro simbolico, e altre in cui consistente e c’ un maggiore appesantimento della macchina giudiziaria. “Basti pensare – spiega Longo – che il rapporto tra i diversi uffici di uno a dieci. Quindi in alcune sedi c’ un solo giudice e in altre dieci. Una ripartizione fatta in maniera irragionevole sia in termini di costi che in termini di impegno”.

Se il personale fosse meglio distribuito molti mali organizzativi verrebbero sanati. Dunque prima di introdurre nuove leve a questa professione piena di percorsi in salita e senza grossi guadagni e tutele previdenziali bene pensarci. “Per evitare che nuovi precari vengano avviati a questa attivit – dichiara il segretario generale dei giudici di pace - il sindacato di categoria ha chiesto di bloccare le nuove nomine. Con la legge sugli immigrati che ci dava competenze decisionali in tema di espulsione fu introdotto un emendamento che stabiliva il blocco delle nomine fino alla revisione dell’organico”.

Ma ancor di pi necessario un cambiamento in termini economici, visto che i giudici ‘bagattellari’ vengono pagati a cottimo, e previdenziali, visto che non esiste una norma che disponga una copertura previdenziale per la categoria. Infine c’ il problema degli spostamenti continui e dispendiosi che i giudici di pace sono costretti a fare giornalmente, perch le convalide di espulsione si fanno a Ponte Galeria e i ricorsi si effettuano a via Gregorio VII, dove ha sede il giudice di pace penale.

(Mrg/Gs/Adnkronos)