TRENTINO: INIZIATA LA RACCOLTA DELLE CASTAGNE
TRENTINO: INIZIATA LA RACCOLTA DELLE CASTAGNE
PRODOTTO CARDINE DELLA CULTURA LOCALE

Trento, 30 set. - (Adnkronos) - Con circa 15 giorni di anticipo, e' cominciata in settimana, nel Trentino, la raccolta delle castagne. Sono circa 400 gli ettari di castagneto coltivato, la produzione 2006 e' stata di circa 1.400 quintali, per un giro d'affari di circa 700mila euro. Una produzione quindi marginale, ma interessante per il paesaggio, l'ambiente, il turismo ed anche le strutture commerciali. La produzione in Trentino si concentra sostanzialmente in 9 comuni: Brentonico, Drena, Cavedine, Darzo, Roncegno, Albiano, Cembra, Arco e Sardagna (Trento). Molto difficile fare previsioni su quale sara' la produzione nel 2007, anche per il rischio di cydia, il ''verme della castagna''. Fulvio Viesi, presidente dell'associazione tutela dei maroni di Castione di Brentonico, ha fatto sapere che ''lo scorso la cydia ha colpito il 30% dei prodotti; quest'anno ci auguriamo che l'incidenza sia molto inferiore, anche perche' il castagneto e' ben curato''.

L'ultimo censimento castanicolo trentino stato effettuato nel 1994; a Castione di Brentonico e' stato recuperato l'80% del castagneto e nella frazione del comune sull'altipiano si produce circa un terzo del totale provinciale: 450 quintali su 3500 piante adulte. I prodotti sono biologici, non viene effettuato alcun trattamento. I prezzi dei maroni venduti a Castione sono fermi dal 2003: 5 euro per i maroni di prima scelta, 3,5 euro per quelli di seconda. Si ha una pezzatura di prima scelta quando vi sono meno di 70 maroni in un kg. Ma le castagne fanno soprattutto cultura: 10mila visitatori all'ultima festa della castagna di Castione (la prossima sar dal 19 al 21 ottobre). Altrettanti ne attira la festa che si tiene a Roncegno, che quest'anno sar il 27 ed il 28 ottobre. Nel 2004, intanto, e' ripreso l'iter per l'ottenimento della Dop marone trentino; ora e' necessaria la certificazione attraverso un consorzio di tutela.

(Waf/Gs/Adnkronos)