FINANZIARIA: SANTAGATA, TAGLI COSTI POLITICA NON SONO FRUTTO PRESSIONE PIAZZA
FINANZIARIA: SANTAGATA, TAGLI COSTI POLITICA NON SONO FRUTTO PRESSIONE PIAZZA
AL 'MESSAGGERO', ALTRO CHE DEMAGOGIA SI TRATTA DI MISURE PREVISTE DAL PROGRAMMA

Roma, 30 set.- (Adnkronos) - "Oggettivamente sono una risposta, ma non sono frutto della pressione della piazza. Sono nel programma elettorale dell'Unione e una buona parte furono gi oggetto delle leggi Bersani e della passata Finanziaria". Lo afferma il ministro per l'Attuazione del programma, Giulio Santagata, in un'intervista al "Messaggero", parlando dei tagli ai costi della politica inseriti in Finanziaria.

"Non volevamo fare l'occhiolino a nessuno -sottolinea Santagata- ma mettere assieme dei provvedimenti che hanno come obiettivo quello di migliorare la qualit della pubblica amministrazione. Non cercavamo norme a effetto. Sugli enti, ad esempio, non ne abbiano aboliti un paio solo per farne un titolo di giornale, ma abbiamo messo insieme dei provvedimenti per snellire e dare pi efficienza a tutti gli enti".

Riguardo a Beppe Grillo, Santagata aggiunge: "Sono sicuro che non sar contento, ma noi dobbiamo dare risposte in termini di efficienza e non di demagogia. Servono risposte coerenti, senza buttare via il bambino con l'acqua sporca. E in questo caso il bambino la democrazia. Inoltre ricordo che fu Prodi a parlare nella lettera da Creta della necessit di tagliare i costi della politica e della pubblica amministrazione. Da l partimmo per scrivere il programma delle primarie del 2005. E' ovvio -conclude Santagata- noi condividiamo da sempre la necessit di snellire i costi della politica, di dare efficienza alla pubblica amministrazione ma senza demagogia".

(Mpi/Pe/Adnkronos)