LETTERATURA: FLAUBERT, TORNA ALLA LUCE LETTERA SU 'MADAME BOVARY'
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


LETTERATURA: FLAUBERT, TORNA ALLA LUCE LETTERA SU 'MADAME BOVARY'
ANDRA' ALL'ASTA A PARIGI CON UNA STIMA DI 15.000 EURO

Parigi, 9 nov. - (Adnkronos) - ''Questa mattina stavo bene, mi sentivo in forma, ero di buon umore. Cosi' ho ripreso la mia Bovary e ho scritto ben tre pagine di getto''. Cosi' lo scrittore francese Gustave Flaubert (1821-1880) si confidava con la sua musa e amante Louise Colet in una lettera autografa scritta il 15 giugno 1853, in piena notte, dopo una giornata che lo aveva visto tornare a sorridere per essere riuscito ad andare avanti nella stesura del suo capolavoro ''Madame Bovary'', che vide poi la luce nel 1857. Si tratta di una ''magnifica lettera'', come la definisce la casa d'aste Christie's, che sara' messa in vendita martedi' 20 novembre a Parigi durante un'asta riservata ai manoscritti di autori letterari francesi.

Un autografo di Flaubert e' una rarita' sul mercato antiquario e cosi' il documento e' stimato tra 10.000 e 15.000 euro. All'asta, secondo quanto riferisce la stampa francese specializzata, interverranno anche importanti biblioteche pubbliche per acquistare il prezioso cimelio che finora era stato gelosamente custodito in una collezione privata parigina.

La missiva di quattro pagine fu scritta da Flaubert apparentemente in fretta, come dimostrano anche le ripetute correzioni e cancellature. Il romanziere voleva comunicare ''con grande gioia'' alla sua intima amica la soddisfazione per aver ritrovato l'ispirazione per lo svolgimento della trama, che quella mattina fu particolarmente ''furiosa e piena''. Nella lettera Flaubert evoca anche le difficolta' di Louise Colet, che aveva avuto da ridire con uno dei suoi ex amanti, Octave Lacroix, segretario di Sainte-Beuve. Flaubert rifletteva sugli ''elementi passionali'' che sono causa di tante disperazioni, al punto che talvolta bisogna ''imbrigliare il cuore''. Lo scrittore rassicurava quindi Louise Colet sul suo ''buon diritto'' in questo affare e sul suo ''talento'', invitandola a lasciar perdere calunnie e attacchi.

(Sin-Pam/Zn/Adnkronos)