NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - LA CRONACA (4)
NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - LA CRONACA (4)

Genova. In manette, dopo i tre arresti effettuati dalla polizia a Palermo l’8 agosto scorso, un altro dei cinque indagati per quattro rapine in banca commesse nel 2006 a Genova e a Savona. Nelle prime ore di questa mattina, a Gioiosa Marea (Messina), gli agenti della squadra mobile palermitana hanno tratto in arresto Antonino Di Mauro, pregiudicato, 43 anni, sfuggito insieme a una quinta persona alla cattura il giorno in cui furono arrestati Maurizio Lucchese, 45 anni, Massimo Tibaudo, 39 e Giovanni Castello, 33. Il suo arresto, come quello degli altri tre, avvenuto in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Franca Borzone del Tribunale di Genova su richiesta del pm Alberto Lari. A Di Mauro vengono contestati i reati di associazione per delinquere finalizzata alla consumazione di rapine, delitti di rapina a mano armata e sequestro di persona in concorso. Secondo i risultati delle indagini effettuate dagli investigatori della squadra mobile di Genova tra il novembre 2006 e il febbraio 2008, nelle quattro rapine i cinque indagati tenevano sotto sequestro dipendenti e clienti della banca in attesa dell’apertura della cassaforte a tempo. Dopo avere preso il denaro, sottraevano la video cassetta che riproduceva le immagini filmate delle loro imprese. Prima della fuga le vittime venivano rinchiuse in un locale della banca perch non dessero l’allarme. Questa tecnica ha permesso di mettere a segno colpi molto pi fruttuosi delle rapine agli sportelli: si va da un minimo di 86mila a un massimo di 143mila euro. (segue)

(Rre/Zn/Adnkronos)