NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (4)
NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (4)

Perugia. Decine di lavoratori irregolari sono stati scoperti dalla guardia di finanza nel corso di una capillare attivita' di controllo che ha riguardato tutta la provincia di Perugia e che ha portato anche alla sospensione dell'attivita' di una fabbrica che non rispettava le norme per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. L'attivita' ispettiva ha riguardato, in particolare, il settore dei servizi turistico-alberghieri ed ha permesso di scoprire 4 persone impiegate in nero in un albergo del capoluogo umbro ed altrettante tra alberghi e pizzerie dello spoletino e nei dintorni di Todi.Un operaio in nero e' stato scoperto anche nel settore agricolo, cosi' come un commesso di un esercizio commerciale nell'assisano. In una fabbrica per la lavorazione di manufatti in resina plastica, situata a Gualdo Tadino, inoltre, i finanzieri hanno scoperto che tutti gli operai (5 donne e 2 uomini, comunitari e non, tutti comunque in regola con le norme per il soggiorno in Italia) erano impiegati in nero. Al momento dell'accesso le fiamme gialle si sono trovati difronte a locali e manufatti interamente ricoperti dalle polveri emanate dai processi di stuccatura e carteggiatura di manufatti in resina, che gli operai stavano eseguendo con macchinari ad aria compressa. (segue)

(Sin/Opr/Adnkronos)