ROMA: VIOLENZA SESSUALE, NUOVA CONDANNA PER SABATINO D'ALFONSO
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


ROMA: VIOLENZA SESSUALE, NUOVA CONDANNA PER SABATINO D'ALFONSO

Roma, 10 ott. - (Adnkronos) - Quindici anni di reclusione per le accuse di violenza sessuale aggravata, sequestro di persona e detenzione illecita di arma. E' la condanna che i giudici della nona sezione penale di Roma presieduta da Roberto Mendoza ha inflitto a Sabatino D'Alfonso, di 46 anni di Villa Literno (Caserta). Per l'imputato il pubblico ministero Roberto Staffa aveva chiesto 13 anni di reclusione ma i giudici hanno pronunciato una sentenza piu' pesante disponendo che una volta scontata la pena D'Alfonso resti in liberta' vigilata oltre ad interdirlo in perpetuo dai pubblici uffici.

I fatti contestati risalgono al 21 dicembre del 2000 quando secondo l'accusa entro' nell'automobile di due ragazze in via Quinto Nuovo, a Roma minacciandole con la pistola. Messosi alla guida l'uomo percorse l'autostrada del Sole fino all'uscita di Caserta Sud. Dopo aver percorso alcuni km nelle strade di campagna, D'Alfonso secondo l'accusa violento' le due ragazze poi rientro' a Roma abbandonando le giovani nella zona Appio Claudio. Gia' in precedenza l'uomo era stato protagonista di un'altra aggressione e il 21 novembre dello scorso anno processato con rito abbreviato fu condannato a 6 anni e 8 mesi di reclusione per sequestro di persona e tentativo di abuso sessuale. Questo episodio avvenne mentre D'Alfonso era in licenza premio nell'agosto del 2007 dal carcere di Sulmona.

L'uomo e' anche indagato a Roma per l'uccisione di Maria Scarfo' che tra il 29 e il 30 dicembre del 2000 fu trovata morta sull'autostrada del Sole Roma-Napoli. Il giallo della morte di questa donna fu risolto dagli investigatori a sette anni di distanza dal delitto attraverso un accertamento del Dna nell'ambito delle indagini sulle aggressioni alle ragazze.

(Saz/Col/Adnkronos)