INCENDI: MARCIANO, GLI 007 DEI FORESTALI SONO IN ALLERTA (3)
INCENDI: MARCIANO, GLI 007 DEI FORESTALI SONO IN ALLERTA (3)
IL CONTRASTO COSTA 500 MLN ALL'ANNO ALLO STATO

(Adnkronos) - La lotta agli incendi boschivi, oltre a causare danni ingenti all'ambiente, ogni anno ha un impatto economico per lo Stato di circa 500 milioni di euro all'anno. L'universit di Padova lo ha calcolato in base ai costi del personale regolare (un uomo del Corpo forestale dello Stato ha uno stipendio lordo medio pari a 1.700 euro mensili) e straordinario (i volontari non sono retribuiti, ma l’attrezzatura che il Corpo forestale presta loro, ha un prezzo di circa 1.500 euro), i costi di manutenzione e usura dei mezzi di terra e degli elicotteri (un elicottero a seconda delle sue caratteristiche tecniche ha un costo orario che varia tra: 600 euro del NH500, che in grado di trasportare 500 litri di liquidi ritardanti o estinguenti; 2.300 euro del AB412 che di liquidi ne trasporta 1.000 litri; 6.000 euro dell’Erickson S64F, un gigante dei cieli con 10.000 litri di carico utile) e quelli sostenuti per il ripristino della compagine boschiva (1.500-2000 euro a ettaro), inoltre il danno causato dalla diminuzione della produzione di prodotti del sottobosco.

Quest'anno, il piano Antincendio Boschivo 2009 prevede l’impiego di circa 5.000 forestali con compiti di pattuglia, pronto intervento, direzione e coordinamento delle operazioni di spegnimento degli incendi boschivi, raccordo dei collegamenti radio con i mezzi aerei, rilevazione scientifica dell’origine e della causa degli incendi. Il settore delle indagini investigative, affidato ai nuclei investigativi provinciali (Nipaf), conta su 400 esperti di indagini investigative finalizzate all’individuazione degli autori dei reati di incendio boschivo. A livello centrale, un ruolo di supporto alle strutture provinciali del Nipaf, viene svolto dai 10 forestali del Nucleo Investigativo Antincendio Boschivo (Niab) dedicato alle operazioni di intelligence e di analisi strategica. I turni di 24 ore, per 365 giorni all’anno, delle 16 sale operative -una centrale e 15 regionali- sono assicurati da 200 forestali che ricevono e smistano le segnalazioni pervenute al numero di emergenza ambientale 1515.

I servizi delle basi elicotteristiche, 6 fisse e 2 stagionali, sono espletati da 230 tra piloti, specialisti e tecnici del Centro Operativo Aeromobili. Il coordinamento operativo, nazionale, regionale e provinciale, garantito da 250 uomini, con funzione di comando e di gestione operativa delle emergenze. Di supporto al personale operativo impiegato nel Servizio Antincendio Boschivo nel periodo estivo, 500 unit del comparto tecnico, logistico e amministrativo, 2.500 a garanzia dei compiti istituzionali. Per un totale di circa 8.000 forestali impegnati.

(Arm/Zn/Adnkronos)