AGRICOLTURA: ARRIVA IL 'TAPIRO' DELLA PASTORIZIA, DALL'ABRUZZO PREMIO CAINO
AGRICOLTURA: ARRIVA IL 'TAPIRO' DELLA PASTORIZIA, DALL'ABRUZZO PREMIO CAINO
ANDRA' A CHI DANNEGGIA IL SETTORE

L'Aquila, 3 ago. - (Adnkronos/Labitalia) - Un premio intitolato a Caino, sulla falsariga dei piu' noti Tapiri. E' la provocazione che arriva dai pastori abruzzesi, che intendono cosi' rendere pubblico annualmente chi si sara' 'distinto' per il danno e il contributo alla scomparsa del tradizionale settore della pastorizia. ''Il premio -dichiara Nunzio Marcelli, presidente dell'Associazione Regionale Produttori Ovicaprini d'Abruzzo (ARPO)- e' intitolato a Caino, il personaggio biblico che ben rappresenta la piu' drammatica ostilita' nei confronti della pastorizia, e comprendera' diverse sezioni, per non dimenticare nessuno: le istituzioni ed amministrazioni pubbliche coi loro funzionari e dirigenti, i responsabili politici ai diversi livelli, le organizzazioni sindacali e di categoria, le associazioni piu' o meno ambientaliste o dichiarantesi tali, e anche gli imprenditori privati''.

''Lavorare in questo settore -prosegue Marcelli- per piccoli produttori tradizionali che hanno a cuore la bonta' dei prodotti e la qualit del territorio, e' sempre piu' difficile, con il 90% per cento delle aziende chiuse e una perdita in termini non solo di economia ed occupazione, ma anche di biodiversita', territorio, produzioni tradizionali che tutto il mondo ci invidia''.

La giuria sara' composta da rappresentanti dei pastori e tecnici del settore, da giornalisti, da gastronomi impegnati nel settore della promozione dei prodotti tradizionali del territorio, da studiosi di sociologia rurale e da altre personalita' del mondo accademico riconosciute a livello internazionale. (segue)

(Lab/Pn/Adnkronos)