SCUOLA: BUFERA SU ORA RELIGIONE, CEI ATTACCA TAR E GELMINI FA RICORSO/RIEPILOGO (3)
SCUOLA: BUFERA SU ORA RELIGIONE, CEI ATTACCA TAR E GELMINI FA RICORSO/RIEPILOGO (3)
CEI, SENTENZA SINTOMO DI BIECO ILLUMINISMO

(Adnkronos) - La decisione del ministero dell'Istruzione e' preceduta da un affondo senza esclusione di colpi della Conferenza episcopale italiana. I vescovi bollano la sentenza del Tar come espressione del ''piu' bieco illuminismo che vuole la cancellazione di tutte le identita. La laicita' -avverte monsignor Coletti- e' danneggiata da questa sentenza perche' per laicita' si intende la giusta neutralita' di una comunita' civile che pero' dovrebbe essere preoccupata di valorizzare tutte le identita', ciascuna secondo il proprio peso e rilevanza culturale, presenti su un dato territorio''.

Al contrario ''se per laicita' si intende l'esclusione dall'orizzonte culturale formativo civile di ogni identita' si cade nel piu' bieco e negativo risvolto dell'illuminismo che prevede che la pace sociale sia garantita dalla cancellazione delle diversita' e delle identita', mentre io credo che uno Stato sanamente laico deve preoccuparsi di far emergere e rispettare e di mettere in rete caso mai e di far crescerete tutte le identita', soprattutto quelle di altro profilo culturale''. ''Ci sara' da chiedersi -incalza il vescovo di Como- come mai la competenza su una questione cosi' delicata venga data a un tribunale amministrativo regionale''.

''Dietro queste pretestuose motivazioni -insiste- c'e' un atteggiamento pregiudiziale anche se non del tutto ideologico. C'e' un pregiudizio di 'doverosa liberazione' dei poveri bambini e ragazzi italiani dal peso schiacciante della religione cattolica; questo mi pare un equivoco grave e pesante sul quale sarebbe opportuno aprire un dibattito culturale, di sentire motivazioni pro e contro. Alla fine, a partire da questo pregiudizio si arriva a sentenze che rischiano di incrementare il sospetto e la diffidenza verso la magistratura che e' gia' fin troppo alto in Italia e che invece va in tutti i modi contrastato e ridotto''. (segue)

(Pol-Leb/Ct/Adnkronos)