pd: adinolfi, inaccettabili accuse "riformista" a fassino
pd: adinolfi, inaccettabili accuse "riformista" a fassino
chi disinforma non puo' parlare di vizi da comintern

Roma, 12 ago. (Adnkronos) - "'Il Riformista' ieri ha spacciato numeri che provavano l'affetto per le primarie del popolo del Pd, per l'esatto contrario e per sostenere la linea bersaniana. Oggi chi ha fatto disinformacija sfacciata accusa Piero Fassino di aver vizi da Comintern. Sono accuse inaccettabili". Mario Adinolfi, esponente della mozione Franceschini, critica il corsivo con cui "il Riformista" attacca oggi l'ex segretario dei Ds.

"Fassino -prosegue Adinolfi- ha avuto il merito di proporre la verit dei fatti. Al 'Riformista' la dichiarazione non piace e parte la reprimenda in prima pagina, con tanto di dichiarazione di indipendenza della testata rispetto al confronto in atto nel Pd, salvo poi definire l'attuale segretario del Pd un 'flebile candidato in pesante svantaggio'. Un sondaggio un sondaggio, per. E se il 56% degli elettori del Pd si dichiara pronto a votare alle primarie (sicuramente o probabilmente) non si pu scrivere un editoriale su un popolo delle primarie che non c' pi".

"A meno che -conclude Adinolfi- non si voglia fare disinformazione per sostenere la linea. Esattamente quello che avrebbe fatto il Comintern, forse con maggiore trasparenza. Polito si scusi con Fassino, cosa da persone serie ammettere ogni tanto d'aver preso una cantonata. E la corsa per le primarie una maratona, non i cento metri".

(Pol/Col/Adnkronos)