Belluno: incidente elicottero, 5mila in Duomo per ultimo saluto a operatori suem
Belluno: incidente elicottero, 5mila in Duomo per ultimo saluto a operatori suem

Belluno, 25 ago. - (Adnkronos) - Una folla di oltre 5mila persone ha atteso compostamente all'interno e sul sagrato del Duomo di Belluno l'arrivo delle bare in legno chiaro degli operatori 118 morti in servizio, a bordo dell'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, ai piedi del monte Cristallo sul Rio Gere. Un applauso ha accompagnato fino al centro della chiesa il feretro del pilota del Falco Ak 109 precipitato, Dario De Felip, 48enne di Pieve d’Alpago, del co-pilota Marco Zago, 42 anni di Belluno, dell'anestesista-rianimatore, Fabrizio Spaziani, 46 anni di Pieve di Cadore e di Stefano Da Forno, 40 anni di Santa Giustina. Per loro fiori rossi e bianchi e tantissime corone deposte all'ingresso e dentro il Duomo bellunese.

Le salme hanno lasciato la camera ardente, allestita nell’obitorio dell'ospedale San Martino, poco prima delle 17.00, scortate dalle forze dell'ordine e dalle auto dei familiari. All'arrivo in piazza le bare sono state portate in spalla dai colleghi delle vittime: per il pilota Dario De Felip sono intervenuti piloti e tecnici della Elidolomiti, mentre uomini delle stazioni di appartenenza del Cnsas Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, secondo un ordine prestabilito, hanno sorretto gli altri tre feretri. A officiare la cerimonia il vescovo di Belluno, mons. Giuseppe Andrich con i parroci di Mel, Pieve d’Alpago, Pieve di Cadore e Belluno, i paesi d'origine delle quattro vittime: in prima fila gli uomini del Soccorso Alpino, provenienti da tutta Italia, che hanno scortato i loro colleghi lungo tutto il tragitto dell'ultimo viaggio, a bordo di due fuoristrada.

Al termine della funzione, dopo un doppio passaggio a bassa quota di un elicottero di soccorso, gli "angeli dell'aria" sono stati accompagnati nel proprio paese di origine per la conclusione del rito funebre. Numerose le autorit presenti alle esequie: per il Governo, il vicepresidente della Camera, Rosi Bindi; per la Regione del Veneto, il vicepresidente, Franco Manzato e poi tanti sindaci e tantssima gente comune, molti in fila con le sgargianti tute del volontariato. Durante la funzione giunto anche un messaggio del Papa, Benedetto XVI.

(Paj/Ct/Adnkronos)